Sadeq Laridjani e il presidente, sceicco Hassan Rohani, hanno fatto arrestare Hamid Baghaie. A conclusione di un processo di cui nulla è trapelato, l’ex vice-presidente è stato condannato a 15 anni di reclusione.

La stampa parla di un processo per «corruzione», ma in verità non si sa di cosa sia accusato quest’uomo, reputato per integrità.

Hamid Baghaie era stato presentato alle elezioni presidenziali del 2017 dall’ex presidente Mahmoud Ahmadinejad. Per favorire la rielezione dello sceicco Hassan Rohani, il Consiglio dei Guardiani della Costituzione ha respinto le candidature di Baghaie e di Ahmadinejad, col pretesto che «non sono buoni mussulmani».

L’ex presidente Ahmadinejad e i suoi amici chiedono, come credenti, la laicizzazione delle istituzioni.

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo