Rete Voltaire

Israele abbandona i collaborazionisti siriani

+

Un centinaio di collaborazionisti dello Stato di Israele nel sud della Siria e le loro famiglie, all’approssimarsi delle truppe della Repubblica Araba Siriana, hanno tentato di ripiegare nel territorio dello Stato di cui sono al servizio.

I fuggitivi si sono ammassati alla frontiera del Golan e hanno chiesto aiuto all’esercito israeliano. Per tutta risposta, il governo di Netanyahu ha chiuso la frontiera.

Per l’intera guerra di Siria, Israele ha reclutato collaborazionisti, di cui si è servito sia per lanciare movimenti separatisti drusi o beduini, sia per interfacciarsi con gruppi terroristici.

Mentre al termine della guerra del Libano gli israeliani protessero i collaborazionisti cristiani dall’Esercito del Libano Sud (ELS) di Antoine Lahad, oggi si rifiutano di fare altrettanto con quelli mussulmani siriani.

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.