Rete Voltaire

Il Libano riconosce che la guerra in Siria è finita?

+

Il presidente del Libano, Michel Aoun, avrebbe avuto un colloquio telefonico con il presidente della Siria, Bachar el-Assad.

Ebbene, dall’inizio della guerra soltanto il presidente russo, Vladimir Putin, e il presidente dell’Ossezia, Anatoli Bibilov, hanno mantenuto contatti ufficiali a questo livello con la Repubblica Araba Siriana.

La maggior parte degli Stati del mondo considera il conflitto in Siria una «guerra civile». Russia e Ossezia sostengono invece si tratti di un’aggressione straniera perpetrata tramite gli jihadisti.

In giugno 2012 i diversi partiti libanesi hanno firmato la Dichiarazione di Baabda [1], con cui si sono vincolati a non consentire l’intervento delle istituzioni libanesi nella guerra in Siria. Ciononostante, i partiti firmatari sono stati coinvolti nel conflitto in prima persona: dapprima la Corrente del Futuro, partito dell’attuale primo ministro Hariri, a sostegno degli jihadisti, e, molto più tardi, lo Hezbollah, a sostegno del governo di Damasco.

Da parte sua, il presidente Aoun ritiene che, all’indomani del vertice Putin-Trump del 16 luglio, la politica di «presa di distanza» non abbia più ragion d’essere. Al presidente libanese non rimane quindi che riconoscere la vittoria di Assad e negoziare il rientro in Siria dei rifugiati e la normalizzazione dei rapporti tra i due Paesi.

Al contrario, altri esponenti politici libanesi, che considerano la presidenza Trump un incidente di percorso e il summit di Helsinki meno di nulla, restano fedeli alla Dichiarazione di Baabda, concepita da Barack Obama e Hillary Clinton alla vigilia della prima Conferenza di Ginevra.

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo

[1] « Déclaration de Baabda », Réseau Voltaire, 11 juin 2012.

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.