Il nuovo ambasciatore degli Stati Uniti ad Atene, Geoffrey R. Pyatt, che insieme a Victoria Nuland organizzò il colpo di Stato a Kiev nel 2014 [1], si dedica ora alla creazione di una chiesa ortodossa indipendente in Ucraina.

La chiesa ortodossa è organizzata in sette patriarcati, di cui quello di Costantinopoli è «primo fra uguali». Il patriarca ecumenico di Costantinopoli, Bartolomeo I, non ha di fatto fedeli in Turchia, ma veglia sulla diaspora greca nel mondo. Il patriarca di Mosca, Cirillo I, veglia su tutti i russi, ucraini compresi.

L’indipendenza degli ortodossi ucraini sarebbe un duro colpo per la cultura russa in Ucraina.

Dal mese di maggio 2018 Bartolomeo I non rilascia più visti per il Monte Athos ai preti ortodossi del patriarcato di Mosca.

Il 31 luglio 2018 Bartolomeo I ha firmato con i capi delle religioni minoritarie in Turchia una dichiarazione comune in cui affermano che il Paese è meraviglioso e che le religioni vi fioriscono liberamente, sebbene in passato non sia sempre stato così [2]. Il testo ha suscitato la collera dei fedeli che ogni giorno devono sopportare le angherie e le umiliazioni dell’amministrazione turca.

Il 31 agosto Cirillo e Bartolomeo hanno avuto un incontro amichevole a Istanbul. Ciononostante il 6 settembre il patriarca di Costantinopoli ha nominato due esarchi (inviati speciali), incaricati di creare una chiesa indipendente in Ucraina. I responsabili della chiesa canonica di Kiev si sono rifiutati di riconoscerli.

Filarete di Kiev, ex agente del KGB, smascherato e scomunicato dopo la caduta dell’Unione Sovietica, ha da parte sua creato una setta, la «Chiesa ortodossa autocefala ucraina» (non-canonica). Filarete è poi diventato uno dei sostegni dei golpisti di Kiev e ha definito il presidente Putin «Caino» e «Giuda». Oggi si vede alla testa della chiesa indipendente che Bartolomeo potrebbe riconoscere.

Il 14 settembre scorso Filarete è andato negli Stati Uniti. È stato ricevuto al Dipartimento di Stato, insieme ai due esarchi di Bartolomeo I, che avevano da poco incontrato a Kiev il presidente Petro Porochenko. È stato anche ricevuto dal vicepresidente Joe Biden, con cui Filarete intrattiene dal 2014 strette relazioni. Il figlio di Biden, R. Hunter Biden, oggi fa parte del consiglio di amministrazione di Burisma Holdings, prima compagnia di sfruttamento del gas ucraino. Filarete ha decorato Joe Biden con l’Ordine di San Vladimiro, come già aveva fatto con il senatore John McCain.

Si sta riaccendendo anche un’antica disputa sulla chiesa ortodossa di Macedonia, ma a fronti rovesciati: questa volta il patriarcato di Costantinopoli rifiuta di riconoscerla fino a quando utilizzerà la denominazione «di Macedonia», che la Grecia considera sua proprietà esclusiva.

Il patriarca Cirillo ha riunito un Sinodo speciale a Mosca. Il 14 settembre la Chiesa ortodossa russa ha deciso non «nominare» più nella liturgia il patriarca di Costantinopoli, ovvero di non pregare più per lui, nonché di sospendere ogni «concelebrazione» e di «rompere» ogni relazione di lavoro nelle istituzioni cui partecipano entrambi i patriarchi.

Il 19 settembre il patriarca d’Alessandria e di tutta l’Africa, Teodoro II, ha richiamato entrambe le parti alla ragione. Uno scisma è possibile.

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo

[1] « Conversation entre l’assistante du secrétaire d’État et l’ambassadeur US en Ukraine », par Andrey Fomin, Oriental Review (Russie), Réseau Voltaire, 7 février 2014.

[2] “La Turchia costringe le chiese ebraiche e cristiane turche a firmare una dichiarazione”, Traduzione Rachele Marmetti, Rete Voltaire, 14 agosto 2018.