Rete Voltaire

Dopo il revisionismo della NATO la Francia si scusa con la Serbia

+

Durante le cerimonie dell’11 novembre 2018 a Parigi, il servizio Protocollo dell’Eliseo ha escluso il presidente della Serbia dalla tribuna d’onore. Hashim Taçi, presidente del Kosovo, Stato che nemmeno esisteva all’epoca della prima guerra mondiale, si trovava invece nelle immediate vicinanze del presidente francese, Emmanuel Macron.

La Francia entrò in guerra in aiuto della Serbia.

Nella Grande Guerra la Serbia ha perso un quarto della popolazione. I soldati serbi e i soldati francesi combatterono fianco a fianco sul fronte orientale e le loro spoglie riposano insieme nei cimiteri di Tessalonica, Monastir, Skopje e Belgrado.

La Francia e la Serbia hanno una lunga tradizione di amicizia, che ha svolto un ruolo importante nelle guerre di Jugoslavia. Il nostro amico ed ex collaboratore, comandante Pierre-Henri Bunel [1], fu segretamente incaricato dal presidente Jacques Chirac di consegnare a un colonnello jugoslavo a Bruxelles i piani di bombardamento della NATO. Fu arrestato in Belgio dall’Alleanza Atlantica per spionaggio. Giudicato in Francia, venne solennemente condannato e liberato con discrezione dopo alcuni mesi. Nel 2013 è stato decorato dalla Serbia.

Il presidente della Repubblica Serba, Aleksandar Vučić, eletto al primo turno nel 2017, è stato ministro di Slobodan Milošević e dirigente del Partito Radicale serbo. Oggi ha assunto una posizione di distensione con il Kosovo e a favore dell’integrazione nell’Unione Europea.

Nel 2018 Francia e Serbia hanno moltiplicato le commemorazioni comuni della Grande Guerra, fino alla cerimonia dell’11 novembre. Quest’ultima però è stata un’occasione di revisionismo storico orchestrata dalla NATO.

Di fronte all’emozione suscitata in Serbia, l’ambasciatore francese a Belgrado, Frédéric Mondoloni, ha presentato le sue scuse al presidente Vučić.

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo

[1] Pierre-Henri Bunel ha redatto un capitolo de Il Pentagate di Thierry Meyssan (Fandango Libri, 2002).

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.

L'invasione turca del Rojava
TUTTO QUEL CHE VI NASCONDONO SULL’OPERAZIONE TURCA “FONTE DI PACE” 3/3
L’invasione turca del Rojava
di Thierry Meyssan
Il Kurdistan immaginato dal colonialismo francese
Tutto quel che vi nascondono sull’operazione turca “Fonte di pace” (2/3)
Il Kurdistan immaginato dal colonialismo francese
di Thierry Meyssan
La genealogia della questione kurda
Tutto quel che vi nascondono sull’operazione turca “Fonte di pace” (1/3)
La genealogia della questione kurda
di Thierry Meyssan