Rete Voltaire

Le forze armate russe adattano la loro flotta aerea alle performance degli Stati Uniti

Il fallimento del programma degli F-35, che non riescono a ottenere le performance previste nel disciplinare, costringe il Pentagono a ripiegare sui vecchi F-16. Dal canto suo, la Russia trasforma i vecchi MiG-29 in MiG-35. Si troverà così in vantaggio sui concorrenti statunitensi.

| Bucarest (Romania)
+
JPEG - 22.8 Kb
Mikoyan-Gourevitch MiG-35

Gli stati Uniti possiedono circa mille aerei F-16, che vengono impiegati anche in altri 25 Stati. Benché sia prevista la produzione, nei prossimi 10-15 anni, di 300 F-35, in caso di guerra la flotta aerea statunitense sarà basata sugli F-16. La Russia si è perciò attrezzata per avere a disposizione moltissimi aerei con performance simili agli F-16. Il tipo di aereo scelto per essere adattato alle prestazioni di routine degli F-16 è rimarchevole e dimostra la professionalità dei tecnici.

Si tratta del MiG-29, un aereo leggero, apprezzato dai ploti e con performance aerodinamiche superiori a quelle dell’F-16. La velocità ascensionale del MiG-29 è la più elevata al mondo (330 metri al secondo). La Russia utilizza 250 MiG-29 e ne ha altri 500 di riserva. Saranno progressivamente sostituiti dai nuovi MiG-35, evoluzione del MiG-29. In caso di aggressione esterna, tutti i MiG-29 possono essere portati a livello del MiG-35. Oltre la Russia, altri 21 Stati utilizzano MiG-29 che potranno convertirli in MiG-35. Gli ex Paesi membri del Patto di Varsavia che hanno aderito alla NATO sono stati invece costretti ad abbandonare i MiG-29 e ad acquistare, a prezzi esorbitanti, F-16, di livello inferiore ai MiG-35. L’Egitto ne ha ordinati 50, al costo di due miliardi di dollari. Un MiG-35 costa il 30% di un F-16.

L’F-16 è superiore al MiG-29 per raggio d’azione. Per questo motivo il MiG-35 è stato equipaggiato di serbatoi di carburante dorsali dietro il cockpit, alla giunzione tra ali e fusoliera, a imitazione della sagoma dell’F-16. La quantità di carburante imbarcato è così aumentata di circa 1.000 litri, il che porta la capacità di volo del MiG-35 a 2.000 chilometri. I due nuovi motori RDN-33 TVN hanno una spinta di 9.000 kgf ciascuno. Per ridurre il consumo specifico e l’impronta agli infrarossi, i motori del MiG-35 sono equipaggiati di computer per il controllo del carburante. Diversamente dall’F-16, i motori RD-33 TVN del MiG-35 hanno una spinta vettoriale. Anche nel carico di armi il MiG-29 era inferiore all’F-16. Per colmare lo svantaggio, il MiG-35 ha aumentato da sei a nove il numero dei punti di ancoraggio: il massimo carico utile è passato da 4.800 a 7.000 chilogrammi.

Il MiG-35 adotta la soluzione degli aerei di quinta generazione, dove si è rinunciato a equipaggiamenti di navigazione e guida per far posto ad armi di precisione. Il MiG-35 è equipaggiato di un contenitore integrato FLIR (Forward-Looking Infra-Red) montato sul motore destro, come per il Su-57. Il MiG-35 è anche dotato di un nuovo dispositivo OLS-35 di rilevamento e controllo a infrarossi (IRST), montato nel muso e utilizzato per il combattimento aereo. Questo sistema proviene dal Su-35.

Anche nel rilevamento radar l’F-16 è superiore al MiG-29. Sul MiG-35 il radar Zhuk-AE di tipo AESA (Active Electronically Scanned Array) è quello del Su-57. È simile al radar AN/APG-83 che si trova negli F-16, blocco 60 e blocco 70. Anche nell’equipaggiamento contro le misure elettroniche (EW) il MiG-29 è inferiore all’F-16. L’equipaggiamento di combattimento radio elettronico (EW) del MiG-35 consiste in un recettore di allerta radar con antenne ripartite sull’intera superficie delle ali e della fusoliera. Sulla fusoliera, la coda e le ali, il MiG-35 è equipaggiato con captatori ottici nello spettro ultravioletto, che avvertono il pilota dell’avvicinamento di un missile aria-aria. Questo equipaggiamento proviene dal Su-57.

L’equipaggiamento HMTS del MiG-35 è simile a quello dell’ultima versione dell’F-16. Il pilota visualizza i parametri e l’immagine radar direttamente sullo schermo del casco. C’è anche un sistema di visualizzazione di tipo HUD sul parabrezza. Le informazioni che provengono dai posti di comando e di controllo a terra e dagli aerei di allerta precoce AWACS/AEW sono trasmesse via satellite, attraverso la linea dati.

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.

L'alba del nuovo mondo
L’alba del nuovo mondo
di Thierry Meyssan
L'invasione turca del Rojava
TUTTO QUEL CHE VI NASCONDONO SULL’OPERAZIONE TURCA “FONTE DI PACE” 3/3
L’invasione turca del Rojava
di Thierry Meyssan
Il Kurdistan immaginato dal colonialismo francese
Tutto quel che vi nascondono sull’operazione turca “Fonte di pace” (2/3)
Il Kurdistan immaginato dal colonialismo francese
di Thierry Meyssan, Rete Voltaire
 
La Nato dietro l'attacco turco in Siria
La Nato dietro l’attacco turco in Siria
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
La genealogia della questione kurda
Tutto quel che vi nascondono sull’operazione turca “Fonte di pace” (1/3)
La genealogia della questione kurda
di Thierry Meyssan, Rete Voltaire
 
L'accordo di Hmeimim
L’accordo di Hmeimim
Rete Voltaire