Rete Voltaire

La giustizia australiana censura l’affare Pell

+

La giustizia australiana ha emesso un provvedimento che vieta di pubblicare qualunque notizia sull’affare George Pell (gag order).

Il cardinale Pell, ex arcivescovo di Sidney, nonché ex prefetto della Segreteria per l’Economia della Santa Sede (ossia ministro delle Finanze dello Stato della Città del Vaticano e della Chiesa Cattolica), è stato giudicato a Melbourne in dicembre 2018 e condannato per pedofilia. Dovrebbe andare in carcere.

La procuratrice generale dello Stato di Vittoria, Kerri Judd, ha inviato a un centinaio di media una lettera in cui vieta di occuparsi del caso.

In Australia, negli Stati Uniti, in Israele, e ancor di più nel Regno Unito accade abbastanza spesso che il potere giudiziario oppure il potere esecutivo impongano ai media la censura, nel primo caso motivandola con la tutela delle vittime, nel secondo senza bisogno di fornire giustificazioni.

Nel caso del cardinale Pell non si capisce perché un Paese, dove i cattolici sono una piccola minoranza, abbia imposto ai media l’obbligo del silenzio, a processo avvenuto.

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.