Rete Voltaire

Colpo di Stato hollywoodiano in Venezuela

+

Il 30 aprile 2019 è stato inscenato in Venezuela un colpo di Stato in stile hollywoodiano.

I putschisti da salotto, capeggiati dall’ex presidente dell’Assemblea Nazionale Juan Guaidó, si sono riuniti davanti alla base militare di La Carlota [nei pressi di Caracas]; hanno posato per i fotografi insieme a un gruppo di militari che li aveva raggiunti e hanno annunciato sui social network di essersi impossessati della base. Hanno poi tenuto un raduno in centro a Caracas.

Secondo fonti non confermate, il capo della Sicurezza si sarebbe unito a Guaidó prima della sollevazione.

Contemporaneamente, una folla numerosa si riuniva davanti al palazzo presidenziale di Miraflores per difendere il presidente da un eventuale attacco golpista.

In realtà, i militari che si sono uniti ai putschisti sono solo una ventina. In seguito si è saputo che molti soldati si trovavano lì per ordine dei superiori e che, rifiutandosi di essere implicati in un colpo di Stato, alla fine sono rientrati nelle forze armate. In realtà Guaidó non ha mai raggiunto la base militare in cui si trovava il capo del Comando Strategico Operativo dell’esercito; ha fatto scattare delle foto da una bretella autostradale che passa su un ponte davanti alla base militare. Anche la manifestazione in centro città non ha avuto grande successo, riuscendo a radunare non più di 3.000 persone.

Per tutta la giornata sono circolate voci contraddittorie. Le reti televisive affermavano che il presidente Maduro fosse in procinto di rifugiarsi a Cuba e, al tempo stesso, che fosse rimasto a Miraflores e avesse il controllo della situazione.

Il ministro degli Esteri russo ha invitato le parti ad astenersi dalla violenza e ad avanzare le proprie rivendicazioni nel rispetto della Costituzione e della Carta delle Nazioni Unite. Un appello che il consigliere nazionale per la sicurezza, John Bolton, e il segretario di Stato USA, Mike Pompeo, in puro stile guerra fredda, hanno interpretato come un ordine di Mosca al presidente Maduro di non lasciare il proprio posto.

Nella notte è tornata la calma. Le manifestazioni dovrebbero riprendere oggi, 1° maggio. Sembra che il modo di agire di Guaidó stia gradualmente deludendo i venezuelani suoi sostenitori.

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.

L'alba del nuovo mondo
L’alba del nuovo mondo
di Thierry Meyssan
L'invasione turca del Rojava
TUTTO QUEL CHE VI NASCONDONO SULL’OPERAZIONE TURCA “FONTE DI PACE” 3/3
L’invasione turca del Rojava
di Thierry Meyssan
Erdogan vuole la Bomba
Erdogan vuole la Bomba
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Il Kurdistan immaginato dal colonialismo francese
Tutto quel che vi nascondono sull’operazione turca “Fonte di pace” (2/3)
Il Kurdistan immaginato dal colonialismo francese
di Thierry Meyssan, Rete Voltaire
 
La Nato dietro l'attacco turco in Siria
La Nato dietro l’attacco turco in Siria
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire