Rete Voltaire

Il dittatore Mohamed Morsi è morto

+

Il 17 giugno 2019 l’ex presidente dell’Egitto, Mohamed Morsi, è deceduto in carcere. La morte potrebbe essere dovuta alla mancanza di cure adeguate a un tumore.

Circolano numerosi necrologi che riferiscono fatti inesatti che vogliamo rettificare:

-  Morsi aveva la doppia cittadinanza, egiziana e statunitense.
-  In quanto ingegnere della NASA, aveva un’abilitazione per accedere ai segreti della Difesa USA, conservata mentre era presidente.
-  Non è stato il primo presidente egiziano democraticamente eletto; fu invece insediato dopo le minacce subite dalla Commissione elettorale, costretta a proclamarne la vittoria [1]. Le prove del colpo di Stato furono rese pubbliche soltanto dopo il suo rovesciamento.
-  Era membro dei Fratelli Mussulmani. Rese omaggio agli assassini del predecessore Anwar al-Sadat, nonché ai terroristi di Luxor [2]. Mentre era presidente rimase in contatto telefonico con il capo di Al Qaeda, Ayman al-Zawahiri.
-  Ha smantellato l’economica dell’Egitto, benché non sia riuscito a vendere al Qatar il Canale di Suez.
-  Permise ai Fratelli Mussulmani di perseguitare i cristiani copti.
-  Non fu rovesciato da un colpo di Stato militare, bensì da un intervento dell’esercito, invocato dalle manifestazioni più imponenti della storia d’Egitto [3].

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo

[1] “La Commissione elettorale presidenziale egiziana cede al ricatto dei Fratelli Mussulmani”, Traduzione Rachele Marmetti, Rete Voltaire, 25 aprile 2016.

[2] “Morsi nomina Governatore di Luxor il responsabile del massacro del 1997”, Traduzione di Alessandro Lattanzio, Rete Voltaire, 19 giugno 2013.

[3] «La sorte di Morsi prefigura il destino dei Fratelli Mussulmani?», Thierry Meyssan, Rete Voltaire, 8 luglio 2013, traduzione di Pier Francesco De Iulio; «In Egitto sostenete il colpo di Stato militare?» Thierry Meyssan, Rete Voltaire, 9 luglio 2013, traduzione di Alessandro Lattanzio.

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.