Rete Voltaire

Macron ha la pretesa di parlare a nome degli Stati Uniti

+

Secondo la stampa, il presidente francese, Emmanuel Macron, avrebbe proposto all’omologo iraniano, sceicco Hassan Rohani, di incontrare il presidente Donald Trump durante il vertice del G7 di Biarritz a fine agosto.

Tuttavia al meeting diplomatico non è stata invitata alcuna delegazione iraniana.

Reagendo violentemente, Trump ha twittato: «L’Iran ha gravi problemi finanziari. Vogliono disperatamente parlare con gli Stati Uniti, ma ricevono segnali confusi da parte di coloro che pretendono rappresentarci, incluso il presidente francese Macron… Credo alle buone intenzioni di Emmanuel, come a quelle di tutti gli altri, ma nessuno può parlare a nome degli Stati Uniti, a eccezione degli Stati Uniti stessi. Nessuno è autorizzato in alcun modo e in alcuna forma a rappresentarci!».

L’incidente sopraggiunge proprio mentre la Francia sta tentando di istituire una forza militare di sorveglianza del traffico petrolifero nello Stretto di Ormuz e il Regno Unito pretende che gli Stati Uniti vi partecipino.

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.