Rete Voltaire

Lievi sanzioni degli USA contro la Turchia

+

Il presidente Donald Trump si è intrattenuto al telefono con l’omologo turco, Recep Tayyip Erdoğan. I due si sono accordati sul fatto che l’esercito turco non occuperà Aïn al-Arab, città frontaliera conosciuta in Occidente con il nome tedesco (e non kurdo) di Kobané [1], diventata un simbolo.

A fine 2015 una battaglia fra YPG e Daesh si svolse davanti alle telecamere, collocate dall’altra parte della frontiera turca. Kobané fu ampiamente distrutta e Daesh si ritirò. L’episodio è stato mediatizzato per celebrare il coraggio dello YPG davanti agli jihadisti. I combattenti kurdi però non si stavano battendo contro la dottrina islamista, ma per conquistare il territorio.

Indipendentemente dalla conversazione telefonica, il presidente Trump ha annunciato sanzioni contro la Turchia [2]:
- Congelamento dei beni dei ministri dell’Energia (Fatih Dönmez), della Difesa (generale Hulusi Akar) e dell’Interno (Süleyman Soylu).
- Innalzamento dei dazi sull’acciaio turco al 50%.
- Sospensione delle negoziazioni commerciali tra i due Paesi.

Si tratta di azioni puramente simboliche: i tre ministri scelti non hanno interessi personali negli Stati Uniti; a maggio dello scorso anno l’acciaio turco era già tassato al 50%; l’economia turca dipende molto dagli Stati Uniti, sicché sarebbe molto facile per Trump metterla immediatamente in ginocchio.

Tutto fa pensare che il presidente Trump abbia autorizzato l’omologo turco a lanciare l’operazione «Fonte di pace» per finirla con il Rojava e che abbia adottato sanzioni superficiali contro la Turchia per accontentare i Democratici.

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo

[1] Kobané è la contrazione del nome della ferrovia che collegava KOnya a BAgdad, costruita dal Reich per gli ottomani.

[2] “Donald Trump Regarding Turkey’s Actions in Northeast Syria”, by Donald Trump, Voltaire Network, 14 October 2019.

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.