Rete Voltaire

L’ONU sospende il diritto di voto di sette Stati

+

In applicazione della norma adottata a ottobre 2019 dall’Assemblea Generale, le Nazioni Unite hanno sospeso il diritto di voto di sette Paesi membri e si apprestano a sanzionarne altri:

- Unione delle Comore (alla fine della 74^ sessione dell’Assemblea Generale);
- Gambia (da subito);
- Lesotho (da subito);
- Libano (da subito);
- Repubblica Bolivariana del Venezuela (da subito);
- Repubblica Centrafricana (da subito);
- São Tomé e Príncipe (alla fine della 74^ sessione dell’Assemblea Generale);
- Somalia (alla fine della 74^ sessione dell’Assemblea Generale);
- Tonga (da subito);
- Yemen (da subito).

Nessuno di questi Paesi è in regola con le quote.

Tuttavia parecchi di questi Stati non possono materialmente saldare le quote a causa delle sanzioni bancarie unilaterali degli Stati Uniti.

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.