Rete Voltaire

Sabotaggi in Siria

+

Continua in Siria la crisi energetica. Il 21 dicembre 2019, nella provincia di Homs, tre impianti petroliferi e di gas sono stati colpiti da attacchi di droni. Il 28 gennaio 2020 sono stati sabotati oleodotti sottomarini al largo di Banyias (foto).

Anche se è probabile si tratti di attacchi e sabotaggi a opera di jihadisti, non ci sono elementi per affermarlo con certezza.

La Siria ha bisogno di circa 100 mila barili di petrolio al giorno. Prima della guerra ne produceva 350 mila, oggi soltanto 24 mila. Ne consegue un’insufficiente produzione di elettricità, che rende necessarie interruzioni per metà giornata. Per cui l’industria non può produrre e i privati non possono scaldarsi, con una temperatura invernale intorno a zero gradi.

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.