Secondo l’ufficialissimo Folkehelinstituttet (Istituto di sanità pubblica norvegese), i risultati della lotta al COVID-19 sono identici nei Paesi che hanno imposto alla popolazione l’isolamento obbligatorio e in quelli che si sono rifiutati di farlo.

Già il 5 maggio l’Istituto aveva messo in guardia il governo rispetto a possibili misure lesive delle libertà costituzionali.

Il 22 maggio scorso, in un’intervista alla radio nazionale, la direttrice dell’Istituto, Camilla Stoltenberg, medico nonché antropologo, ha dichiarato che è importante prendere atto retrospettivamente che l’isolamento non è servito [1].

La dottoressa Camilla Stoltenberg è sorella del segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg.

JPEG - 31.6 Kb
Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo

Documenti allegati