Il ministero degli Esteri russo ha fatto scendere in campo diversi personaggi di peso per denunciare il pericolo che la presenza di jihadisti in Azerbaigian rappresenta per il Paese.

La Turchia insiste a negare ogni responsabilità nel trasferimento degli jihadisti. Si sta tuttavia preparando a una risposta russa nella zona occupata della Siria. Ha iniziato l’evacuazione della postazione militare di Morek (governatorato di Idlib), rafforzando al tempo stesso la presenza in altre postazioni (ne ha 12 in totale).

L’Armenia, che finora ha privilegiato il sostegno della NATO su pressione del primo ministro Nikol Pashinyan (uomo di George Soros), ora si rivolge alla Russia e all’OTSC (Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva, ndt). Diversi ministri armeni fanno appello a Mosca affinché intervenga in Alto Karabakh, non già contro l’Azerbaigian, ma per difendere i propri interessi a fronte dell’afflusso di jihadisti.

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo