Il 4 febbraio 2021, l’OfCom (autorità britannica regolatrice delle comunicazioni) ha vietato le trasmissioni nel Regno Unito della rete televisiva cinese CGTN (China Global Television Network) perché dipendente diretta del governo cinese. Questo è un fatto che la televisione cinese non nasconde e che è risaputo.

L’11 febbraio, per ritorsione, la Cina ha vietato le trasmissioni nel proprio territorio della rete televisiva britannica BBC, che si presenta come indipendente sebbene ne sia proprietario il governo del Regno Unito.

Seguendo le orme degli Stati Uniti, gli Occidentali hanno preso l’iniziativa di censurare via via tutti gli organi d’informazione della Cina, che di volta in volta ha risposto allo stesso modo. La comunicazione e la possibilità di comprendersi diventa sempre più difficile.

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo