In seguito alle rivelazioni di uno storico, Mark Curtis, e di un giornalista, Matthew Kennard, sull’organizzazione nel 2019 del rovesciamento del presidente Evo Morales, il 13 marzo 2021 l’ex presidente della Bolivia, Jeanine Áñez, è stata posta in custodia preventiva.

Áñez è accusata di essersi illegalmente impossessata della presidenza con l’aiuto di una potenza straniera e di aver instaurato una dittatura per cedere le riserve di litio del Paese ai propri sponsor.

Per un approfondimento si legga l’articolo di Thierry Meyssan che sarà pubblicato martedì 16 marzo:
«Il rovesciamento di Evo Morales e la prima guerra del litio».

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo