Hunter Biden, figlio del presidente degli Stati Uniti, durante un’intervista di CBS, trasmessa il 4 e 5 aprile in occasione della pubblicazione del suo libro, Beautiful Things, ha ammesso che un suo computer personale fu sequestrato dall’FBI.

L’informazione era stata pubblicata in piena campagna presidenziale dal New York Post. Il quotidiano aveva anche rivelato il contenuto di diversi file comprovanti una vasta vicenda di corruzione [1].

Il presidente Donald Trump, che aveva chiesto all’Ucraina d’indagare su queste affermazioni, era stato accusato di strumentalizzare la propria posizione a fini politici.

L’ex direttore dell’intelligence nazionale, James Clapper, l’ex direttore della CIA, John Brennan, nonché il suo successore, Michael Morell, avevano denunciato una «disinformazione russa». I media statunitensi e internazionali non avevano osato riprendere le informazioni del Post, che oggi l’interessato conferma.

Clapper, Brennan e Morell hanno tutti lavorato per il presidente Barack Obama e per Hillary Clinton.

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo

[1] «In Ucraina, il figlio di Joe Biden unisce l’utile al dilettevole» e «La corruzione dei Biden», Rete Voltaire, 23 maggio 2014 e 15 ottobre 2020.