Gli scontri tra manifestanti e polizia israeliana sono iniziati a Gerusalemme a metà aprile 2021 a causa dell’espulsione di famiglie palestinesi dal quartiere Sheikh Jarrah.

Il lancio di missili di Hamas contro Israele e la ritorsione del governo Netanyahu sono iniziati solo il 10 maggio.

L’amministrazione Biden ha informato il Congresso della consegna a Israele di bombe ad alta precisione per 735 milioni di dollari… il 5 maggio, ovvero cinque giorni prima dell’inizio della guerra.

Oltre alle case dei dignitari di Hamas e i tunnel di contrabbando, l’esercito israeliano ha sistematicamente distrutto gli impianti di desalinizzazione e le centrali elettriche di Gaza.

Gli Stati Uniti si sono opposti a qualsiasi intervento del Consiglio di Sicurezza. Hanno imposto il cessate-il-fuoco solo dopo l’esaurimento della scorta di munizioni fornite a Israele. Scorta che l’amministrazione Biden provvederà ben presto a ricostituire.

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo