Rete Voltaire

Le campagne elettorali di Netanyahu e Yisrael Beiteinu sono state finanziate dal Qatar

+

L’ex ministra degli Esteri israeliano, Tzipi Livni, il cui partito Hatnuah ha subito una sconfitta elettorale, ha rivelato che il Qatar ha sostenuto alcuni dei suoi concorrenti nelle elezioni legislative del 22 gennaio 2013.

Il primo ministro uscente, Benjamin Netanyahu, ha intascato 3 milioni di dollari, mentre Yisrael Beiteinu, il partito di un altro ex ministro degli Esteri, Avigdor Lieberman, ha incassato 1,5 milioni di dollari.

In cambio, la coalizione di destra si è impegnata a promuovere la creazione di una federazione giordano-palestinese governata da Hamas.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Autori: diplomatici, economisti, geografi, storici, giornalisti, militari, filosofi, sociologi... potete inviarci i vostri articoli.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.

Quei parà sulle nostre teste
«L’arte della guerra»
Quei parà sulle nostre teste
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Goldman Sachs - Nato Corp.
“L’arte della guerra”
Goldman Sachs - Nato Corp.
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Il mondo dopo l'accordo Washington/Teheran
«Sotto i nostri occhi» - Cronaca di politica internazionale n°140
Il mondo dopo l’accordo Washington/Teheran
di Thierry Meyssan, Rete Voltaire
 
Siria, retorica e verità
Siria, retorica e verità
di Thierry Meyssan, Rete Voltaire
 
Clinton, Juppé, Erdoğan, Daesh e il PKK
Un folle ambizione si trasforma in guerra civile
Clinton, Juppé, Erdoğan, Daesh e il PKK
di Thierry Meyssan, Rete Voltaire