Rete Voltaire

Intervista a Bashar al-Assad a “Izvestia”

+
JPEG - 17 Kb

Izvestia : Signor Presidente qual è la situazione in Siria? Quali territori rimangono sotto il controllo dei ribelli?

Bashar al-Assad : Non ci sono aree che sono sotto il controllo dei terroristi, e aree sotto il controllo dell’esercito. C’è un nemico che ha occupato la nostra terra. Abbiamo a che fare con dei terroristi infiltrati nei villaggi e nelle periferie delle città. Sono criminali che uccidono persone innocenti, distruggono le infrastrutture. [...]

L’esercito, le forze di sicurezza e la polizia tendono a metterli fuori degli insediamenti e renderli poco pericolosi. Quelli che riescono a sopravvivere, passano ad altre aree e si uniscono ad altre bande. Così, l’essenza della nostra attività è fermare i terroristi.

La ragione principale della continuazione delle ostilità è il costante enorme numero di terroristi arrivanti in Siria dall’estero. Mensilmente ne vengono sul nostro territorio decine di migliaia. Inoltre, è continuo il finanziamento e il rifornimento di armi agli stessi terroristi provenienti dall’estero.

Ma vi assicuro che c’è l’esercito riesce a fermarli ovunque li incontra.

Izvestia : La stampa occidentale ha spesso detto che i terroristi coprono circa il 40 o il 70% del territorio della Siria. Quanto territorio controlla il governo siriano?

Bashar al-Assad : Nessun esercito in qualsiasi paese del mondo sarà pienamente operativo in tutto il paese. I terroristi approfittano di questo, cercando di penetrare ovunque, dove non c’è esercito. Stiamo purificando ogni provincia che comprendeva i terroristi. Quindi, ripeto, il problema non una zona precisa, ma cambia ogni giorno e ogni ora. Il problema in molti film d’azione provenienti dall’estero.

L’esercito arabo siriano può entrare in qualsiasi area occupata dai terroristi e fermarli? Vi dirò con certezza, “Sì”. L’esercito continua a farlo. Ci vuole più tempo, perché quella guerra che ci è stata imposta non si ferma immediatamente. Ci vuole un tempo relativamente lungo. E stiamo pagando un prezzo pesante per la guerra…

Izvestia : I terroristi di cui parliamo, sono gruppi separati e distinti o sono parte di una forza unica, che mira a destabilizzare la situazione in Medio Oriente, anche in Siria?

Bashar al-Assad : Si tratta di singoli gruppi […] ma sono molto simili. In primo luogo, ideologicamente. In secondo luogo, perché ricevono denaro dalle stesse fonti.

La loro ideologia, il radicalismo, non sopporta l’esistenza di altre credenze religiose, tranne quella professata dai terroristi. Hanno leader ideologici comuni come al-Zawahiri, ma ogni gruppo ha la sua guida.

I loro sponsor, come ho detto, sono gli stessi, e spesso interi Stati, come l’Arabia Saudita.

Nonostante la mancanza di unità dei gruppi, i loro sponsor e leader ideologici hanno la capacità di manipolare ciascuno di loro con messaggi radicali. Ad esempio, possono dire a loro: “I musulmani sono tenuti ad effettuare la jihad in Siria.” Di conseguenza, migliaia di militanti vengono inviati qui per combattere.

Gli sponsor controllano anche i gruppo di banditi, forniscono armi e fondi per specifici atti di terrorismo.

Inoltre, la stessa Arabia Saudita combina le funzioni di ideologo e di sponsor: muovono ribelli wahhabiti e li sostengono con il denaro.

Izvestia : Il governo siriano parla di una stretta relazione tra Israele e i terroristi. Comeè possibile la collaborazione tra i due mondi?

Bashar al-Assad : Perché Israele apre il fuoco contro le nostre truppe quando abbiamo colpiamo i terroristi alla frontiera? E perché Israele con i terroristi al confine che si fronteggiano con la Siria ha attaccato la parte siriana? Perché Israele più volte negli ultimi mesi ha attaccato parti dell’esercito arabo siriano?

Ma la prova principale sono i risultati della cooperazione in Israele stesso.

Israele ha detto più volte che gli ospedali del paese hanno aiutato decine di terroristi. Se questi gruppi sono così odiati Israele e la sola espressione del suo nome li manda in crisi isterica e li fa odiare, perché questi gruppi radicali che si battono oggi contro l’Egitto e la Siria, nel corso della sua storia non hanno mai effettuato operazioni nei confronti di Israele?

Beh, ricordiamo che ha creato in origine questi gruppi. Questi terroristi sono stati reclutati e sostenuto dagli Stati Uniti e l’Occidente, l’Arabia Saudita li ha finanziato sin dal 1980, al fine di combattere i sovietici in Afghanistan. Come, allora, questi gruppi creati dall’Occidente e dall’America, saranno in grado di colpire Israele?

Izvestia : La nostra intervista con voi sarà tradotto in molte lingue, molti leader mondiali, tra cui quelli che vi si oppongono, la leggeranno. Cosa vuoi dire a loro?

Bashar al-Assad : Tra i capi di stato al momento attuale, ci sono molti politici, ma pochi leader. Il fatto che essi non conoscono la storia e non imparano da essa. Alcune persone dimenticano il passato recente.

Hanno imparato la lezione degli ultimi 50 anni? Almeno in un documento dei predecessori, che hanno fallito tutte le guerre dal Vietnam in poi? Hanno capito che quelle guerre non hanno portato altro che il caos e l’instabilità in Medio Oriente e in altre regioni del mondo?

Vorrei spiegare che il terrorismo non è una carta vincente in tasca, che si può estrarre e utilizzare ogni volta che si vuole. Il terrorismo, è come una puntura di scorpione. Di conseguenza, non si può essere per il terrorismo in Siria e contro di esso in Mali. Non si può sostenere il terrorismo in Cecenia e la lotta contro di esso in Afghanistan.

Alcuni capi dei paesi occidentali farebbero bene a smettere di entrare negli affari di altri paesi, creando i propri regimi fantoccio, e di più ascoltare le opinioni del loro popolo, forse allora sarà la politica occidentale più vicina alla realtà.

Se devo mandare un messaggio al mondo, dico io, se qualcuno vuole trasformare la Siria in un burattino dell’Occidente, allora non lo farà. Siamo un paese indipendente e lotteremo contro il terrorismo, saremo liberi di costruire le nostre relazioni con i paesi che vogliamo, per il bene del popolo siriano.

Izvestia : Mercoledì scorso, il governo siriano ha affrontato le accuse da parte dei ribelli di usare armi chimiche. Questa accusa è stata subito raccolta da un certo numero di leader occidentali. Qual è la vostra risposta? Volete permettere alla Commissione speciale delle Nazioni Unite di indagare su questo caso?

Bashar al-Assad : Le dichiarazioni rese dai politici negli Stati Uniti, in Occidente e in altri paesi è un insulto al buon senso di ignorare l’opinione pubblica del loro popolo. Questa è una sciocchezza: prima si incrimina, e solo poi raccolgono prove. E si tratta di potenti paesi come gli Stati Uniti. Cioè, mercoledì siamo stati accusati e solo due giorni dopo il governo degli Stati Uniti ha annunciato l’inizio della raccolta delle prove. E come si intendono raccogliere le prove, in lontananza? Siamo accusati che l’esercito abbia usato armi chimiche in una zona che è presumibilmente sotto il controllo dei ribelli. In realtà, in questo settore non esiste una chiara linea di fronte tra l’esercito e militanti. E come si possono usare di sostanze chimiche o altre armi di distruzione di massa in un luogo dove lo stesso Governo concentra le sue truppe? Ciò è contrario alla logica elementare. Quindi questo tipo di accuse sono politiche, e la ragione di questo è la serie di vittorie da parte delle forze governative.

Per quanto riguarda le indagini sui crimini di guerra in Siria, siamo i primi che chiedevano l’arrivo di una commissione internazionale. Quando i terroristi hanno sparato un razzo con un gas velenoso ad Aleppo, poco dopo furono numerose le dichiarazioni in Occidente circa la disponibilità di armi chimiche delle forze governative, e subito abbiamo richiesto la visita di esperti stranieri. Questa posizione è stata concordata con la Russia, ci piacerebbe sentire che gli Stati Uniti, la Francia, la Gran Bretagna siano convinti che non siamo stati noi, ma i nostri avversari stanno usando armi chimiche. Tutto questo supportato da fatti specifici, non da accuse infondate.

Nelle ultime settimane, abbiamo negoziato con le Nazioni Unite sul lavoro della commissione, infine, gli esperti sono venuti da noi (in poche ore dopo l’intervista, si è saputo che il governo della Siria e la commissione delle Nazioni Unite hanno approvato una procedura per l’azione congiunta per indagare sul presunto uso di armi chimiche). I risultati del loro lavoro sarà presentato alle Nazioni Unite.

Ma si sa anche che i risultati possono essere interpretati a favore dei singoli paesi. Pertanto, ci aspettiamo che la Russia non permetterà di interpretare i documenti nell’interesse delle politiche statunitensi e occidentali in generale.

Izvestia : A giudicare dalle dichiarazioni di leader negli Stati Uniti e in una serie di altri paesi occidentali fatte in questi ultimi giorni, gli americani non escludono un’azione militare in Siria. Lei dichiara che gli Stati Uniti agiranno nello stesso modo di operare in Iraq, cercando di trovare un pretesto per un’invasione?

Bashar al-Assad : La questione di un intervento militare in Siria non è preso in considerazione per la prima volta. Fin dall’inizio della crisi, gli Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna stavano cercando di fare un intervento militare, ma per loro sfortuna, le cose hanno preso una piega diversa. Hanno cercato di convincere Russia e Cina a cambiare la loro posizione al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, ma non ha funzionato.

[…] Si è inoltre constatato che la situazione qui è diversa dalla situazione in Egitto e Tunisia.

Lo stesso scenario di “rivoluzione araba” ha cessato di essere convincente. Si può iniziare una guerra, ma non possono sapere quanto tempo durerà e quanto si diffonde su territorio. Si resero conto che il loro copione era fuori controllo.

Un altro ostacolo all’intervento militare è la comprensione di tutto ciò che sta accadendo in Siria e cioè che non siamo di fronte alla rivoluzione del popolo che esigere riforme. E’ solo terrorismo. In questa situazione, i leader occidentali non possono dire i loro cittadini: “Stiamo andando in Siria, al fine di sostenere il terrorismo.”

Izvestia : Signor Presidente, a cosa si troveranno di fronte gli Stati Uniti se osano attaccare la Siria o persino fare un’invasione del paese?

Bashar al-Assad : Agli Stati Uniti faranno i conti con la sconfitta, come in tutte le precedenti guerre combattute da loro, dal Vietnam ad oggi. L’America ha partecipato a numerose guerre, ma non è mai stata in grado di raggiungere i suoi obiettivi politici per i quali queste guerre hanno avuto inizio. Lei non è in grado di convincere il suo popolo multietnico alla giustezza della guerra, così come nell’infondere la propria ideologia in altri paesi. Sì, in effetti le grandi potenze possono scatenare una guerra, ma possono vincerla?

Izvestia : Siete in rapporti con il presidente russo Vladimir Putin? Comunica con lui al telefono? Se sì, quali sono le questioni da discutere?

Bashar al-Assad : Abbiamo un rapporto di lunga data col presidente Vladimir Putin stabilito molto tempo prima dell crisi siriana. Di tanto in tanto abbiamo contatti. Naturalmente è impossibile al telefono per discutere di questioni così complesse come la crisi siriana. Le relazioni tra i nostri paesi sono ora supportati attraverso i decisori russi che ci visitano, sia attraverso i loro omologhi siriani, che vengono inviati a Mosca.

Izvestia : Avete in programma di visitare la Russia nel prossimo futuro, o per invitare il presidente russo in Siria?

Bashar al-Assad : E’ certamente possibile, ma credo che sia necessario fare tutti gli sforzi per risolvere la crisi siriana. Ora stiamo perdendo persone ogni giorno, ma quando le circostanze miglioreranno, naturalmente, o farò visita al presidente Putin, o lo inviteremo a Damasco.

Izvestia : Sempre sui rapporti con la Russia. Voi sapete che la Russia si oppone alla politica degli Stati Uniti e dell’Unione europea sulla questione siriana. Che cosa accadrebbe se la Russia darebbe spazio alla loro pressione? Non è possibile un tale scenario?

Bashar al-Assad : Fino ad oggi è importante guardare le relazioni russo-americane non solo attraverso la crisi siriana ma attraverso una visione più ampia. La differenza di posizioni sulla crisi siriana è solo una delle contraddizioni esistenti tra i vostri paesi. Con il crollo dell’Unione Sovietica, agli Stati Uniti sembrava che la Russia fosse distrutta per sempre. Ma alla fine del 1990, con l’avvento di Vladimir Putin, la Russia ha progressivamente guadagnato forza e con insistenza difende le proprie posizioni a seguito di una nuova guerra fredda di influenza politica. Gli Stati Uniti hanno agito su più fronti, con insistenza cercando di bloccare gli interessi della Russia nel mondo.

L’obiettivo degli Stati Uniti è di sminuire il ruolo della Russia sulla scena internazionale, anche mediante la pressione sulla questione siriana.

Ci si può chiedere perché la Russia sostenga la Siria. Ed è molto importante spiegare questo punto. La Russia di oggi non sta proteggendo il presidente o il governo di Bashar al-Assad, il popolo siriano può scegliere qualsiasi presidente e qualsiasi governo.

La Russia difende i principi che valgono almeno da un centinaio di anni: i principi di indipendenza e di non ingerenza negli affari interni di altri Stati. La Russia ha ripetutamente sofferto di questo.

Inoltre, la Russia difende i propri interessi nella regione, ed è suo diritto. Questi interessi non sono limitati al porto di Tartus, per esempio. I suoi interessi sono molto più profondi: gli attacchi terroristici contro la Siria minacciano la stabilità di tutto il Medio Oriente. Destabilizzare qui si rifletterebbe sulla Russia.

Per quanto riguarda la situazione culturale e sociale, non dobbiamo dimenticare le migliaia di famiglie russo-siriane che creano unione, un ponte sociale tra i due paesi. […] Oggi il quadro è diventato assolutamente chiaro a tutti.

Izvestia : Ci sono dei negoziati con la Russia per la fornitura di carburante, beni e armi? In particolare vorrei chiedere sul contratto per la fornitura di S-300 sistemi, sono stati consegnati a voi?

Bashar al-Assad : Nessun paese può rivendicare l’esistenza di determinate armi o firmare il contratto di fornitura questo fa parte dei segreti di Stato e delle forze armate.

Ma voglio dire che tutti i contratti stipulati con la Russia sono validi. E né crisi né pressioni da parte degli Stati Uniti, in Europa e nei paesi del Golfo ne hanno impedito l’attuazione. La Russia rifornisce alla Siria quello che serve per proteggerla e proteggere la sua gente.

Izvestia : Che tipo di aiuto attende la Siria dalla Russia: economico o materiale? La Siria non ha intenzione di chiedere un prestito dalla Russia?

Bashar al-Assad : Quando la sicurezza nazionale è indebolita, questo porta a un indebolimento economico e non solo. E il fatto che la Russia fornisca contratti militari alla Siria porterà certamente ad un miglioramento della situazione economica in Siria.

Il Sostegno della Russia per il nostro diritto di affermare l’indipendenza sin dall’inizio ha aiutato la nostra economia. Un certo numero di stati si sono opposti al ​​popolo siriano, e inflitto gravi danni alla nostra economia, soprattutto a causa del blocco economico, a causa del quale noi oggi soffriamo. La Russia ha agito in modo diverso.

Il sostegno politico della Russia, e la precisa esecuzione di contratti militari, nonostante le pressioni degli Stati Uniti hanno inciso in modo significativo la nostra situazione economica.

I prestiti di un paese amico come la Russia, sono vantaggiosi per entrambe le parti. Per la Russia può significare l’espansione dei mercati e di nuove opportunità per le imprese russe, e per la Siria è l’occasione per raccogliere fondi per lo sviluppo della propria economia.

Questo è per non parlare dei contratti già firmati con diverse aziende russe per la fornitura di una vasta gamma di prodotti.

Ancora una volta, direi che la posizione politica della Russia e il suo sostegno ha un effetto positivo della Siria sulla stabilità e la prosperità dei cittadini siriani.

Izvestia : È possibile specificare i dettagli dell’accordo: sia che si riferiscano a carburante che a cibo?

Bashar al-Assad : Le sanzioni economiche oggi stanno bloccando la ricezione da parte dei cittadini siriani di cibo, medicine e carburante. Questi sono i prodotti di base necessari per la vita. E, di conseguenza, il governo siriano sta firmando accordi con la Russia e altri paesi amici, per avere questi prodotti.

Izvestia : Tornando alla questione siriana – sappiamo che più volte è stata fatta un’amnistia. Quali sono i risultati? C’è qualcuno tra quei ribelli amnistiati che stanno combattendo nei ranghi delle forze governative?

Bashar al-Assad : Sì, è vero, l’amnistia sta producendo risultati positivi. Soprattutto quando l’immagine di ciò che sta accadendo in Siria è diventato chiara a tutti.

Molti dei ribelli hanno deposto le armi e sono tornati alla vita normale. Molti di loro sono passati con il governo. Questi gruppi sono divisi in due parti: il primo è stato ingannato dalla stampa, la il secondo, coloro che sono stati costretti sotto minaccia ad entrare nelle file delle terroristiche. Pertanto siamo sempre convinti che si debba lasciare la porta aperta per chi ha deciso prendere la strada che andava contro il proprio paese. Mentre molti in Siria si sono opposti all’amnistia, essa ha pagato ed è stata in grado di ridurre la tensione nella società.

Izvestia : Signor Presidente, quali sono i principali alleati e gli avversari? Di chi è la colpa dei recenti cattivi rapporti sopraggiunti con alcuni paesi?

Bashar al-Assad : I paesi che ci sostengono nel mondo sono la Russia e la Cina, e a livello regionale l’Iran. Ma posso dire che nel mondo vi è un cambiamento positivo: alcuni paesi che erano radicalmente contro di noi, hanno cominciato a cambiare le loro posizioni, mentre altri hanno già ripristinato i rapporti con la Siria. E ci sono paesi che non ci supportano direttamente.

Ci sono un certo numero di Stati che hanno sostenuto i terroristi in Siria alla luce del sole – il Qatar e Turchia.

Il Qatar – sponsor del terrorismo, e la Turchia offre corridoi per loro. Ora l’Arabia Saudita ha sostituito il Qatar come sponsor. L’Arabia Saudita – un paese che ha solo il denaro, ma chi ha solo il denaro non è in grado di creare una società civile e per mantenere la pace.

Se l’Arabia Saudita agisce come sponsor principale, la Turchia ha una posizione diversa. E’ un peccato che un tale stato come Ankara, possa essere controllato da un paio di dollari. Purtroppo, questo grande paese con una posizione strategica e una società progressista è controllato da uno degli Stati del Golfo. Ma Non vi è colpa del popolo turco, con cui condividiamo molti dei costumi e del patrimonio, le responsabilità sono del Primo Ministro.

Izvestia : Cosa c’è dietro la posizione comune della Russia e della Siria solo interessi geopolitici o persino la somiglianza delle due nazioni, che devono fare i conti con la costante minaccia del terrorismo?

Bashar al-Assad : Russia e Siria hanno molto in comune. Il primo di essi, la Russia, ha sperimentato un’occupazione durante la seconda guerra mondiale, e la Siria è stato più volte occupato. In secondo luogo, la Russia, come la Siria, ha subito numerosi tentativi di interferire nei suoi affari interni. Terzo il terrorismo. In Siria si capisce cosa significa veder uccidere civili dai militanti nel Caucaso del Nord, sappiamo della presa di ostaggi a Beslan e del musical “Nord-Est” a Mosca. Così, i russi capiscono con che cosa abbiamo a che fare in Siria, perché essi stessi hanno avuto esperienza del terrorismo su se stessa. […]

C’è un’altra somiglianza tra la Russia e la Siria – è la famiglia comune di cui ho accennato in precedenza. Se non fosse per le affinità culturali e sociali e mentali, ci sarebbero quelle famiglie che legano i due paesi. Aggiungo a tutto questo: ci sono interessi geopolitici, che ho anche menzionato. L’instabilità in Siria e nella regione nel suo complesso influirà anche sulla Russia. Lei è ben consapevole che la minaccia del terrorismo non ha confini. Sarebbe sbagliato pensare che la posizione di questo grande Stato come la Russia, si basi solo su uno o due principi.

Izvestia : Cosa si aspetta dal convegno “Ginevra-2″?

Bashar al-Assad : La missione della conferenza di Ginevra può aprire la strada a una soluzione politica in Siria. Ma non siamo in grado di avviare un dialogo sulla direzione politica finché non si finirà di sostenere il terrorismo dall’estero. Ginevra sta mettendo pressione su quei paesi che sostengono il terrorismo in Siria. E’ necessario fermare il contrabbando di armi e mercenari ai terroristi inviati a noi. Quando verrà a mancare questo sarà molto più facile lavorare sull’organizzazione del dialogo politico tra tutte le parti siriane sulla futura forma di governo, di legge e di Costituzione.

Traduzione in italiano a cura di Informazionescorretta

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Autori: diplomatici, economisti, geografi, storici, giornalisti, militari, filosofi, sociologi... potete inviarci i vostri articoli.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.

11 settembre, otto misteriose scatole nere
11 settembre, otto misteriose scatole nere
di Giulietto Chiesa, Rete Voltaire
 
L'Italia in «missione prolungata» di guerra sotto comando Usa
«L’arte della guerra»
L’Italia in «missione prolungata» di guerra sotto comando Usa
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
L'Italia in guerra: aumenta la spesa militare
Summit Nato
L’Italia in guerra: aumenta la spesa militare
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Bugiardi nel panico
Bugiardi nel panico
di Giulietto Chiesa, Rete Voltaire
 
Summit Nato, guerra su due fronti
“L’arte della guerra”
Summit Nato, guerra su due fronti
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Gli «Stati falliti»
«L’arte della guerra»
Gli «Stati falliti»
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Il vero disastro dei Tornado
Il vero disastro dei Tornado
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire