Rete Voltaire
Stati

Stati Uniti d’America

 
 
 
 
 
 
Giornale del cambiamento dell’ordine mondiale # 12
Alla ricerca di un capro espiatorio
di Thierry Meyssan
Alla ricerca di un capro espiatorio Damasco (Siria) | 23 ottobre 2016
A Berlino, la Germania, la Francia, la Russia e l’Ucraina hanno cercato di sbloccare i conflitti ucraino e siriano. Tuttavia, da un punto di vista russo, questi blocchi esistono solo perché l’obiettivo degli Stati Uniti non è la difesa della democrazia, di cui si avvantaggiano, ma impedire lo sviluppo della Russia e della Cina attraverso l’interruzione delle vie della seta. Disponendo della superiorità convenzionale, Mosca ha dunque fatto di tutto per collegare il Medio Oriente e l’Europa orientale. Cosa a cui è pervenuta scambiando l’estensione della tregua in Siria contro lo stop del blocco degli accordi Minsk. Da parte sua, Washington è sempre alla ricerca del modo di scaricare la sua colpevolezza su uno dei suoi alleati. Dopo aver fallito in Turchia, la CIA si rivolge all’Arabia (...)
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 



Gli articoli più popolari
11 settembre: scientificamente impossibile
11 settembre: scientificamente impossibile
L’US Army fallisce nell’elaborazione di una simulazione credibile dell’attentato del Pentagono
 
Le previsioni "inimmaginabili" della Rand Corporation
Le previsioni "inimmaginabili" della Rand Corporation
L’attacco contro il WTC era stato anticipato dalla Rand Corporation
 
Rumsfeld conosceva in anticipo i piani dell
Rumsfeld conosceva in anticipo i piani dell’11 settembre
L’atto fondatore del regime Bush
 
Ero un assassino psicopatico
Ero un assassino psicopatico
Testimonianza di Jimmy Massey, un ex Marine statunitense di ritorno dall’Iraq
 
La Siria al centro della guerra del gas nel Medio Oriente
La Siria al centro della guerra del gas nel Medio Oriente
Dalla geopolitica del petrolio a quella del gas