Rete Voltaire

I crimini dell’emirato islamico in Siria e in Iraq

+

L’Emirato Islamico (ex-EIIL) continua i suoi crimini in Siria e in Iraq (ma solo quelli commessi in Iraq sono condannati da Washington e alleati).

• In Siria, l’EI ha espulso almeno 30000 abitanti della città di Shuhayl presa al Fronte al-Nusra. la popolazione vaga per le campagne senza cibo.

• In Iraq, l’EI ha distrutto molte chiese e almeno una dozzina di moschee e mausolei sciiti.

• Secondo il professor Leslie Roberts della Columbia University, le cifre ufficiali delle vittime dell’EI in Iraq (1000 feriti e 1000 morti dall’inizio dell’operazione) sono assai sottovalutate: riguardano solo i casi individuati dalle autorità di coloro morti in battaglia, mentre la maggioranza delle vittime sono civili colpiti indirettamente, in particolare durante la fuga [1]. Nel 2004 e nel 2006 Leslie Roberts aveva compiuto un lavoro molto apprezzato sulle vittime dell’invasione anglosassone dell’Iraq [2].

Traduzione di Alessandro Lattanzio

[1] “Why the U.N. Is Likely Underestimating the Iraq Death Toll”, Patrick Tucker, Defense One, 3 luglio 2014.

[2] «El proyecto Censurado presenta las 10 noticias m·s importantes ignoradas el pasado aÒo por los medios dominantes, Camille T. Taiara, Red Voltaire, 15 settembre 2005; «La ocupaciÛn estadounidense est· provocando un desastre humanitario en Irak», Sara Flounders, Traduzione di Beatriz Morales Bastos, Red Voltaire, 21 settembre 2007.

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.