Rete Voltaire

Gli Stati Uniti e Israele iniziano la colonizzazione del Nord della Siria

+

La colonizzazione del Nord della Siria è un vecchio piano israeliano collegato allo sviluppo dei missili. Si tratta di i creare uno Stato indipendente nel Nord del paese, al fine di controllare la Siria da dietro, nello stesso modo in cui gli israeliani hanno creato lo Stato del Sud Sudan nel 2011, per controllare l’Egitto da una posizione retrostante.

Questo progetto israeliano è stato ripreso dalla Francia e ha dato luogo, nel 2011, a un trattato segreto firmato da Alain Juppé e Ahmet Davutoğlu. La Turchia aveva accettato che lo Stato fosse diretto dalla sua minoranza curda e che Ankara avrebbe potuto espellervi il PKK e affermare la supremazia turca nel suo paese.

Nel settembre 2013, il Pentagono faceva pubblicare da Robin Wright una nuova mappa che ridisegnava e ricomponeva la regione, comprendendo la creazione dell’Emirato islamico di Daesh e quella di un nuovo "Kurdistan" nei territori arabi della Siria.

A metà ottobre 2015, in risposta alla campagna russa contro i jihadisti, la CIA ha creato le «Forze democratiche siriane», presentate come un’alleanza di curdi siriani e di «ribelli». In realtà, le FDS sono una nuova etichetta del YPG (le forze curde finora fedeli a Damasco), a cui sono stati aggiunti alcuni alibi arabi.

Immediatamente, i curdi siriani hanno deciso di curdizzare i territori nel Nord della Siria. Hanno dunque iniziato a occupare le case dei non-curdi e hanno inviato una lettera minacciosa alle scuole per ingiungere loro di licenziare i loro professori arabi e di prendere professori curdi per un insegnamento esclusivamente in curdo.

I nuovi insegnanti, provenienti dall’Iraq e dalla Turchia, trascrivono spesso la lingua curda in alfabeto latino, che gli arabi e i curdi di Siria non sanno leggere. Gli arabi - che sono la maggioranza in questi territori da migliaia di anni - e le altre minoranze hanno energicamente protestato. In due settimane, il movimento si è esteso, molte scuole sono state costrette a obbedire, tranne quelle della minoranza cristiana assira, che ha schierato la propria milizia per difenderle.

Storicamente, solo un piccolo territorio situato nel nord-est della Siria è curdo. A differenza della Turchia, la Repubblica araba siriana dà uguali diritti a tutti i suoi cittadini, indipendentemente dalla loro origine etnica, religione o appartenenza politica. Non vi è alcun motivo di creare un Kurdistan indipendente in Siria. Se tale però dovesse essere il caso, sotto la pressione statunitense e israeliana, allora ciò darebbe diritto a rivendicazioni identiche da parte di decine di altri gruppi etnici e religiosi in tutta la regione.

Se dovesse aver luogo, la creazione di un Kurdistan in una terra araba aprirebbe un nuovo conflitto paragonabile a quello della Palestina.

Traduzione
Matzu Yagi

Documenti allegati

 
Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.