Verso il dopoguerra del Medio Oriente Allargato, di Thierry Meyssan
Rete Voltaire

Verso il dopoguerra del Medio Oriente Allargato

Contestando le finzioni della propaganda atlantista, Thierry Meyssan interpreta le relazioni internazionali collocandole in una prospettiva di lungo termine. Secondo Meyssan, negli ultimi sette anni non c’è stata guerra civile in Siria, ma una guerra regionale nel Medio Oriente Allargato che dura da diciassette anni. Da questo conflitto così vasto, da cui la Russia esce vincitrice nei confronti della NATO, sta emergendo gradualmente un nuovo equilibrio mondiale.

| Damasco (Siria)
+
JPEG - 41.8 Kb

Tutte le guerre finiscono con vincitori e vinti. La guerra di diciassette anni nel Medio Oriente Allargato non fa eccezione. Eppure, benché Saddam Hussein e Muammar Gheddafi siano stati eliminati e la Siria stia per uscirne vincente, il vero perdente di questa guerra è il popolo arabo.

Si può anche fingere di credere che il problema sia limitato alla Siria; e che in Siria il problema sia solo nella Ghuta; e che nella Ghuta l’Esercito dell’Islam abbia perso. Ma quest’episodio non basta a mettere fine ai conflitti che stanno devastando la regione, distruggendo intere città e uccidendo centinaia di migliaia di persone.

Ebbene, la favola del contagio delle “guerre civili” [1] consente ai 130 Stati e organizzazioni internazionali che partecipano ai summit degli “Amici della Siria” di negare le proprie responsabilità e di mantenere alta la testa. E, siccome non accetteranno mai lo smacco subito, continueranno le loro angherie in altri scenari operativi. In altri termini: la loro guerra nella regione finirà ben presto, però continuerà altrove.

Guardando i fatti da questa angolatura, quanto accaduto in Siria dalla dichiarazione di guerra degli Stati Uniti – il Syrian Acountability Act – del 2003, quasi 15 anni fa, avrà forgiato l’Ordine del mondo che ora si sta formando. Infatti, mentre quasi tutti gli Stati del Medio Oriente Allargato sono stati indeboliti, talvolta distrutti, solamente la Siria è ancora in piedi e indipendente.

Sicché il Pentagono non potrà più mettere in atto, né qui né altrove, la strategia dell’ammiraglio Cebrowski, rivolta a distruggere società e istituzioni di Paesi non globalizzati e a taglieggiare i Paesi globalizzati per aver accesso alle materie prime e alle fonti di energia.

Su spinta del presidente Trump, le Forze armate USA stanno lentamente cessando di sostenere gli jihadisti e cominciano a ritirarsi dal terreno di battaglia. Fatto che non li trasforma in filantropi, ma in realisti. Dovrebbe trattarsi della svolta che mette fine alla loro militanza per la rovina degli Stati.

Riallacciandosi alla Carta Atlantica, patto con il quale Londra e Washington nel 1941 si accordarono per controllare insieme gli oceani e il commercio mondiale, gli Stati Uniti ora si preparano al sabotaggio delle ambizioni commerciali del loro rivale cinese. Per limitare gli spostamenti della flotta cinese nel Pacifico, Donald Trump riforma i Quad (con Australia, Giappone e India) e contemporaneamente nomina consigliere per la Sicurezza John Bolton, che sotto Bush Jr. compì l’impresa di coinvolgere gli Alleati nella sorveglianza militare degli oceani e del commercio globale.

Nei prossimi anni il grande progetto cinese delle vie della seta (terrestre e marittima) non dovrebbe andare in porto. Poiché Bejing ha deciso di far passare le merci dalla Turchia, invece che dalla Siria, e dalla Bielorussia, invece che dall’Ucraina, in questi due Paesi stanno per nascere “disordini”.

Già nel XV secolo la Cina tentò di riaprire la via della seta, costruendo una gigantesca flotta di 30.000 uomini, comandati dall’ammiraglio mussulmano Zheng He. Nonostante l’accoglienza calorosa nel Golfo Persico, in Africa e nel Mar Rosso di questa pacifica armata, il progetto fallì. L’imperatore fece bruciare l’intera flotta. Per cinque secoli La Cina si ripiegò su se stessa. Per ideare “la Via e la Cintura”, il presidente Xi si è ispirato all’illustre predecessore, l’imperatore Ming Xuanzong, ma, come costui, potrebbe essere indotto ad affossare l’impresa, qualunque sia l’entità degli investimenti e, quindi, delle perdite.

Da parte sua, il Regno Unito non ha rinunciato al piano di una nuova “rivolta araba”, sul modello di quella che nel 1915 portò al potere gli wahabiti dalla Libia all’Arabia Saudita. Tuttavia, la “primavera araba” del 2011, che avrebbe dovuto consacrare i Fratelli Mussulmani, si è infranta contro la resistenza siriano-libanese.

Londra intende mettere a profitto il “pivot verso l’Asia” degli Stati Uniti per ritrovare lo splendore del suo antico impero. Il Regno Unito si appresta a lasciare l’Unione Europea e dirige la propria potenza offensiva contro la Russia. Strumentalizzando il caso Skripal, ha tentato di radunare attorno a sé il maggior numero possibile di alleati, ma è incorso in alcuni inconvenienti, per esempio il rifiuto della Nuova Zelanda di continuare nel ruolo di dominion docile. Come nel caso delle guerre in Afghanistan, Jugoslavia e Cecenia, la logica suggerisce a Londra di reindirizzare i propri jihadisti contro Mosca.

La Russia, unica grande potenza a uscire vittoriosa dal conflitto in Medio Oriente, ha conseguito l’obiettivo che fu della zarina Caterina II: l’accesso al Mediterraneo e la salvezza della culla del cristianesimo, su cui la sua cultura si fonda.

Mosca ora dovrebbe dare impulso all’Unione Economica Euroasiatica, cui la Siria è candidata dal 2015, quando però la sua adesione fu sospesa per richiesta dell’Armenia, preoccupata dall’ingresso nello spazio economico comune di un Paese in guerra. La situazione attuale è però diversa.

Da quando la Russia ha rivelato il nuovo arsenale nucleare, l’equilibrio mondiale è diventato bipolare. Non sarà una cortina di ferro a dividere il mondo in due, ma la volontà degli occidentali, che già stanno separando i sistemi bancari e, presto, separeranno internet. L’equilibrio dovrebbe fondarsi sulla NATO, da un lato e, dall’altro, non più sul Patto di Varsavia, bensì sull’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva. In trent’ani la Russia ha voltato la pagina del bolscevismo e ha spostato la propria zona d’influenza dall’Europa Centrale al Medio Oriente.

Con movimento oscillatorio l’Occidente, da ex “mondo libero”, si sta trasformando in un insieme di società coercitive e fintamente consensuali. L’Unione Europea si sta dotando di una burocrazia più pervasiva e opprimente di quella dell’Unione Sovietica. Per contro, la Russia torna a essere il campione del Diritto Internazionale.

Traduzione
Rachele Marmetti
Il Cronista

[1] “Aggressione camuffata da guerre civili”, di Thierry Meyssan, Traduzione Rachele Marmetti, Rete Voltaire, 27 febbraio 2018.

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.