Rete Voltaire

Una commissione d’inchiesta sulla morte dei soldati che uccisero bin Ladin

+

La sottocommissione di sorveglianza del governo della Camera dei Rappresentanti dovrebbe avviare una commissione d’inchiesta sulla morte della squadra di Navy SEAL che uccise Usama bin Ladin ad Abbotabbad (Pakistan), il 1 maggio 2011, ha annunciato il Presidente Jason Chaffetz (R-Utah).

Il 6 agosto 2011, in Afghanistan, un razzo distrusse un elicottero uccidendo 38 persone a bordo: sette soldati delle truppe afghane e dei soldati statunitensi, tra cui 15 membri della squadra Navy SEAL 6.

Molti afgani che dovevano a prendere posto nell’elicottero si rifiutarono inspiegabilmente di partire all’ultimo minuto. Le famiglie delle vittime pensano che sapessero che il velivolo sarebbe stato abbattuto. I militari li cremarono senza informare le famiglie delle vittime. Secondo loro, i taliban si vendicarono della morte di Usama bin Ladin.

Nel 2001, Usama bin Ladin era molto malato e sopravviveva solo con la dialisi. Morì nel dicembre 2001 e le autorità britanniche hanno certificato di aver monitorato il suo funerale. Tuttavia, nastri audio e video di lui furono diffusi per anni da al-Jazeera. Furono autenticati dalle autorità degli Stati Uniti o da società israeliane, ma tutti furono smentiti dall’istituto Dalle Molle, punto di riferimento mondiale in consulenza giudiziaria.

Le autorità degli Stati Uniti rimossero il corpo della persona uccisa ad Abbotabbad, durante l’operazione Tridente di Nettuno, in modo che non fosse oggetto di culto.

In violazione del suo statuto, la CIA aiutò segretamente la realizzazione di due film hollywoodiani sull’esecuzione di Usama bin Ladin, elogiando la tortura come fonte di informazioni.

Leggasi la preveggenza di Thierry Meyssan in "Riflessioni sull’annuncio ufficiale della morte di Osama bin Laden", Rete Voltaire, 4 maggio 2011.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Autori: diplomatici, economisti, geografi, storici, giornalisti, militari, filosofi, sociologi... potete inviarci i vostri articoli.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.

Patto militare Grecia-Israele
«L’arte della guerra»
Patto militare Grecia-Israele
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
La Ue si arruola nella Nato
“L’arte della guerra”
La Ue si arruola nella Nato
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Promuovere la yuanizzazione dell'economia globale
IL COMPITO DEI BRICS
Promuovere la yuanizzazione dell’economia globale
di Ariel Noyola Rodríguez, Rete Voltaire
 
L'Europa ancora in prima linea
“L’arte della guerra”
L’Europa ancora in prima linea
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
La Russia toglie le sue castagne dal fuoco
A margine dei negoziati 5+1
La Russia toglie le sue castagne dal fuoco
di Thierry Meyssan, Rete Voltaire
 
La Dichiarazione di Delphi
Su Grecia ed Europa
La Dichiarazione di Delphi
Rete Voltaire