Rete Voltaire

Le commemorazioni orwelliane dell’11 settembre annunciano nuove guerre

Il decimo anniversario degli attacchi dell’11 settembre ha dato luogo a una grande varietà di articoli, documentari e programmi audiovisivi per certificare la versione Bushita degli eventi, mentre l’opinione pubblica mondiale è diventata in gran parte scettica. Per Thierry Meyssan, che ha all’origine del dibattito mondiale sull’interpretazione degli attacchi, questa massiccia campagna dei media è l’ultimo tentativo del sistema imperiale di preservare la sua legittimità apparente e giustificare le sue guerre future.

| Beirut (Libano)
+
JPEG - 29.1 Kb
Nicolas Sarkozy: "Sono passati dieci anni che non hanno cancellato il ricordo di quei destini spezzati, e tutti i francesi ricordano quello che facevano quell’11 settembre, tanto erano sconvolti da ciò che vi è successo. E la sera dell’11 settembre, in fondo, noi francesi ci siamo sentiti americani come mai prima. (…) La migliore risposta a questi omicidi di massa e a questi assassinii, è la liberazione dei popoli arabi, intorno ai valori che hanno sempre incarnato l’America e la Francia, la democrazia."
© Elysée

E’ strano osservare come la stampa occidentale stia celebrando il decimo anniversario degli attacchi dell’11 settembre: Mentre il tema potrebbe essere affrontato da diverse angolazioni, s’è imposto o è stato imposto uno slogan. I media fanno a gara in fatto di testimonianze sul tema: "Che stavi facendo in quel giorno, in quel momento?". Questo approccio dimostra la volontà collettiva di non studiare, non analizzare l’evento e le sue conseguenze, limitandosi al solo registro dell’emozione del momento, buono non per fare giornalismo, ma un grande spettacolo.

Questa commemorazione è accompagnata da ingiunzioni orwelliane: "Come osate dubitare della versione ufficiale di fronte al dolore delle famiglie delle vittime?" O "coloro che mettono in dubbio la versione ufficiale sono dei negazionisti nemici della democrazia!". Ora, precisamente, il rispetto per le vittime, non solo quelle che morirono quel giorno negli Stati Uniti, ma anche coloro che sono morte per le conseguenze in Afghanistan, Iraq, Libia e altrove, esige che si cerchi la verità invece di accontentarsi di assurde bugie. E come possiamo vivere la democrazia se non ci poniamo domande sulle verità ufficiali, peggio ancora se sostituiamo il dibattito argomentato con l’insulto?

Nei giorni successivi agli attacchi, attraverso una serie di articoli, e poi nei mesi successivi, attraverso i libri e le conferenze, ho contestato la versione Bushita dell’evento ed ho accusato una fazione del complesso militar-industriale USA, dominato dagli straussiani, di averla organizzata. Anche se inizialmente ero solo nel mio approccio, e benché insultato dalla stampa atlantista, ho gradualmente mobilitato l’opinione pubblica internazionale, anche negli Stati Uniti, fin quando le mie domande fecero irruzione, lo scorso anno, nella tribuna dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Inoltre le autorità statunitensi hanno cercato di contraddirmi, ma hanno contraddetto se stesse, e inoltre, il dubbio s’è diffuso. Oggi è in maggioranza.

Come sempre quando il vento gira, gli opportunisti preservare il loro futuro prendendo le distanze dalla versione che hanno a lungo difeso e che fa acqua da tutte le parti. Questo è stato il caso, ieri, dei signori Kean e Hamilton, i co-presidenti della Commissione presidenziale sugli attentati, che hanno preso le distanze dalla loro relazione, oggi, è il signor Clarke, consulente per l’antiterrorismo di Clinton e Bush, che accusa i suoi colleghi di fare finta di niente nascondere. In 10 anni, le autorità statunitensi e britanniche non erano in grado di produrre quelle prove che avevano tuttavia promesso all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, per giustificare le loro azioni di "autodifesa" in Afghanistan. Al contrario, esse hanno dimostrato che avevano un grave segreto da nascondere, e hanno continuato a moltiplicare le bugie per nasconderlo. Chi avrebbe ancora il coraggio di rivendicare, come Colin Powell al Consiglio di Sicurezza, che Saddam Hussein era complice dell’11 settembre, o come Tony Blair, secondo cui Usama bin Ladin aveva architettato gli attentati di Londra?

Durante questi dieci anni, un numero crescente di esperti ha dimostrato le incongruenze nella versione di Bush, che altri esperti hanno sostenuto. Se gli argomenti di questi fossero stati convincenti, la polemica sarebbe morta. Ma questo dibattito è così poco scientifico, che la divisione tra gli esperti segue una linea di divisione esclusivamente politica. Se approvano l’invasione dell’Afghanistan e il Patriot Act, allora sostengono che le strutture metalliche delle Torri Gemelle non hanno resistito al calore del fuoco, che la Torre 7 era troppo fragile e che un aereo s’è disintegrato dentro il Pentagono. Al contrario, se sono sconcertati dall’espansione imperiale militare e dalla legittimazione della tortura, ritengono impossibile che le Torri Gemelle siano state le uniche al mondo a crollare così, che l’edificio 7 è crollato per simpatia e che un grosso Boeing sia evaporato all’interno del Pentagono.

La versione bushita dell’11 settembre è diventata il dogma centrale dell’imperialismo. Siamo chiamati a crederci come a una verità rivelata. Altrimenti mettiamo in discussione il Nuovo Ordine Mondiale e veniamo respinti come eretici e complici intellettuale del terrorismo.

La linea di demarcazione è la seguente: da una parte, le élite occidentali o globalizzate si aggrappano alla versione ufficiale, dall’altra la maggior parte delle popolazioni occidentali e del Terzo Mondo gridano alla menzogna. La sostanza del dibattito non è sapere come degli individui, che non apparivano sulla lista dei passeggeri a bordo di un aereo, possano dirottarlo in volo, o come un Boeing possa piegare le sue ali per entrare attraverso una piccola porta e volatilizzarsi nel Pentagono, ma se l’Occidente sia stato da quel giorno il bersaglio di una cospirazione globale islamica, o se una fazione degli Stati Uniti ha organizzato questo evento per lanciarsi impunemente alla conquista del mondo.

JPEG - 30.2 Kb
A Parigi, una replica delle Torri Gemelle è stato costruito sulla spianata del Trocadero, in onore delle 3000 vittime dell’11 settembre. Sarà inaugurata dall’Ambasciatore degli Stati Uniti, dal sindaco della capitale e dal ministro degli interni. Nessun monumento è stato progettato per il milione di vittime delle guerre in Afghanistan, Iraq e Libia.

I filosofi che studiano la storia delle scienze, assicurano che gli errori scientifici non sempre scompaiono con la loro confutazione. Bisogna talvolta attendere che scompaia la generazione che la professava. Questo permette a una verità di sostituire un errore, e cioè che nel tempo la verità conservi un potere esplicativo, mentre l’errore lo perde.

Dal 2001, ho concluso la mia analisi mettendo in guardia contro la generalizzazione di leggi draconiane. Ho respinto la presentazione di al-Qaida come organizzazione terrorista anti-occidentale, e ho sostenuto invece che si trattava di mercenari arabi utilizzati dalla CIA nei vari conflitti contro i sovietici in Afghanistan, in Bosnia-Erzegovina e in Kosovo contro i serbi, e in Cecenia contro i russi, conformemente alla strategia di Brzezinski. Infine, ho annunciato l’imminente invasione dell’Iraq e il rimodellamento del Medio Oriente voluto dal neo-conservatori, per una volta alleati di Kissinger. All’epoca, la stampa ufficiale ha deriso la mia analisi su quattro punti principali.

- Le Monde ha spiegato che gli USA non avrebbero attaccato l’Iraq perché avevano già risolto il problema con "Desert Storm", e che solo il mio primordiale anti-americanismo mi ha portato a vedere il contrario.
- Le Monde Diplomatique ha detto saccentemente che io non sapevo nulla della politica degli USA, immaginando una alleanza neocon-Kissinger.
- Il Washington Post ci bombardava di dettagli di quel complotto islamico mondiale tentacolare, che mi rifiutavo di prendere in considerazione, essendo accecato dalla presenza araba in Francia.
- E il New York Times ha elogiato il Patriot Act e la creazione del Dipartimento della Sicurezza Interna, per cui solo un pacifista europeo imbevuto dello spirito di Monaco, avrebbe potuto opporsi.

Tuttavia, 10 anni dopo, sui quattro punti che sono stati contestati dalla mia analisi politica, si può vedere che avevo ragione io e che i miei detrattori hanno sbagliato. Ora stanno cercando di recuperare, concedendo forte e chiaro che l’amministrazione Bush ha "usato" l’11 settembre per imporre la propria agenda. Nel corso del tempo, alla fine riconosceranno che non sono un visionario che ha previsto per caso un futuro che non avevano sospettato, ma che una rigorosa analisi politica permetterà di capire in anticipo che gli sponsor dell’11 settembre intendevano attuare tale agenda.

Mentre la NATO ha posto al potere a Tripoli i compagni di Bin Ladin, è più che mai essenziale comprendere l’11 settembre per identificare le vere minacce alla pace mondiale e come affrontarle. Come non vedere che le persone che celebrano questa ricorrenza con enfasi, supporteranno in futuro delle nuove guerre in Medio Oriente e Nord Africa?

Traduzione di Alessandro Lattanzio

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Autori: diplomatici, economisti, geografi, storici, giornalisti, militari, filosofi, sociologi... potete inviarci i vostri articoli.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.