Rete Voltaire

L’esercito russo afferma la propria superiorità nella guerra convenzionale

L’intervento militare di Mosca in Siria non ha semplicemente capovolto le sorti della guerra e seminato il panico tra i jihadisti. Ha mostrato al mondo, in una situazione di guerra reale, le effettive capacità dell’esercito russo, che con sorpresa di tutti dispone di un sistema di interferenza elettronica in grado di rendere sorda e cieca l’Alleanza Atlantica. Nonostante un budget molto più alto, gli Stati Uniti hanno appena perso il loro predominio militare.

| Damasco (Siria)
+
JPEG - 42.9 Kb

L’intervento militare russo in Siria, che sarebbe dovuto essere una scommessa azzardata di Mosca contro i jihadisti, si è invece trasformato in una manifestazione di potenza che ribalta l’equilibrio strategico mondiale [1]. Originariamente pensato per isolare e distruggere i gruppi armati degli Stati che li sostengono in violazione delle relative risoluzioni del Consiglio di sicurezza, l’operazione ha portato ad accecare tutti gli attori e i loro alleati occidentali. Frastornato, il Pentagono è diviso tra coloro che cercano di minimizzare i fatti e di trovare una falla nel sistema russo e quelli che, al contrario, ritengono che gli Stati Uniti abbiano perso la loro superiorità in materia di guerra convenzionale e che avranno bisogno di molti anni per recuperarla. [2]

Ricordiamo che nel 2008, nella guerra in Ossezia del Sud, le forze russe erano effettivamente riuscite a respingere l’attacco georgiano, ma soprattutto avevano mostrato al mondo il deplorevole stato delle loro apparecchiature. Ancora dieci giorni fa, l’ex Segretario alla Difesa Robert Gates e l’ex consigliere per la Sicurezza Nazionale Condoleezza Rice parlavano dell’esercito russo come di una forza di «seconda classe». [3]

Come, dunque, è riuscita la Federazione russa a ricostruire la sua industria bellica, a progettare e a produrre armi ad altissima tecnologia senza che il Pentagono valutasse l’entità del fenomeno e rimanesse così indietro? I russi hanno usato tutte le loro nuove armi in Siria o tengono in serbo altre meraviglie? [4]

A Washington lo sconcerto è talmente grande che la Casa Bianca ha appena annullato la visita ufficiale del primo ministro Dmitry Medvedev e di una delegazione dello stato maggiore russo. La decisione è stata presa dopo un’analoga visita in Turchia di una delegazione militare russa. È inutile discutere delle operazioni in Siria perché il Pentagono non sa più cosa stia accadendo. Furibondi, i "falchi liberali" e i neocon pretendono un aumento del bilancio militare e hanno ottenuto lo stop al ritiro delle truppe dall’Afghanistan.

In un modo che più strano non si può, i commentatori atlantisti che assistono al sorpasso sulla potenza militare americana denunciano il pericolo dell’imperialismo russo [5].

Eppure qui la Russia non sta facendo altro che salvare il popolo siriano e propone agli altri Stati di collaborare con lei, mentre gli Stati Uniti quando detenevano il primato militare imponevano il proprio sistema economico e distruggevano molti Stati.

È indubitabile che le incerte dichiarazioni di Washington durante lo schieramento russo, prima dell’offensiva, non dovevano essere interpretate come un lento adattamento politico della retorica ufficiale ma per ciò che effettivamente esprimevano: il Pentagono non conosceva il territorio. Era diventato sordo e cieco.

Un sistema di interferenza elettronica su vasta scala

Dopo l’incidente della USS Donald Cook nel Mar Nero, il 12 aprile 2014, sappiamo che l’aviazione russa ha un’arma che le permette di oscurare tutti i radar, i circuiti di controllo, i sistemi di trasmissione informazioni, eccetera [6].. Fin dall’inizio del suo schieramento militare, la Russia ha installato un centro di disturbo (radar jamming) a Hmeymim, a nord della città siriana di Laodicea (Latakia). Improvvisamente si è riverificato l’incidente della Donald Cook, ma questa volta in un raggio di 300 km, comprendente la base NATO di Incirlik in Turchia. E ancora continua.

Poiché l’evento si è verificato durante una tempesta di sabbia d’intensità storica, inizialmente il Pentagono ha pensato che i suoi dispositivi di rilevamento fossero fuori uso, prima di accorgersi che erano stati oscurati. Tutti oscurati.

Oggi la moderna guerra convenzionale si basa sul "C4i"; un acronimo composto da quattro c e una i corrispondenti ai termini inglesi command (dominio), control, communications, computer (informatica) e intelligence (informazioni). I satelliti, gli aerei e i droni, le navi e i sommergibili, i carri armati e ora anche i combattenti sono collegati tra loro da comunicazioni permanenti che consentono agli stati maggiori di guidare le battaglie. È tutto questo insieme, il sistema nervoso della NATO, che è stato ora oscurato in Siria e in una parte della Turchia.

Secondo l’esperto rumeno Valentin Vasilescu, la Russia avrebbe installato diversi Krasukha-4 (un’apparecchiatura a banda larga mobile che disturba i radar, ndt) e avrebbe dotato i suoi SAP-518/ SPS-171 (come l’aereo che ha sorvolato la USS Donald Cook) e i suoi elicotteri di Richag-AV (sistema di oscuramento di radar e sonar che può essere montato su elicotteri, navi e altre attrezzature militari, ndt). Inoltre starebbe usando la nave spia Priazovye (classe Vishnaya, progetto 864 secondo la nomenclatura NATO) nel Mediterraneo [7]

Sembra che la Russia si sia impegnata a non disturbare le comunicazioni di Israele – riserva di caccia americana – per cui le è vietato impiegare il suo sistema di disturbo nel sud della Siria.

Gli aerei russi sono stati ben lieti di violare un sacco di volte lo spazio aereo turco. Non per misurare il tempo di reazione della propria aeronautica militare, ma per verificare l’efficacia del disturbo elettronico nella zona interessata e per sorvegliare le installazioni messe a disposizione dei jihadisti in Turchia.

Missili da crociera ultraefficienti

Infine la Russia ha usato diverse nuove armi, come i ventisei missili stealth (furtivi, invisibili al radar, ndt) da crociera 3M-14T Kaliber-NK, equivalenti ai Tomahawk RGM/UGM-109E [8] . Lanciati dalla Flotta del Mar Caspio,cosa che non aveva nessuna esigenza militare, hanno colpito e distrutto undici obiettivi a 1500 km di distanza nella zona non offuscata, così che la NATO potesse apprezzare la performance. Questi missili hanno sorvolato l’Iran e l’Iraq a una quota variabile da 50 a 100 metri in base al territorio, passando a quattro chilometri da un drone statunitense. E non se ne è perso neanche uno, a differenza di quelli americani, i cui errori sono compresi tra il 5 e il 10% secondo il modello [9] . Tra l’altro, questi lanci mostrano l’inutilità delle spese faraoniche dello "scudo" antimissile costruito dal Pentagono attorno alla Russia, ancorché ufficialmente diretto contro vettori (missili) iraniani.

Sapendo che questi missili possono essere lanciati da sommergibili situati ovunque negli oceani e che possono trasportare testate nucleari, i russi hanno recuperato il loro ritardo in materia di razzi vettori. In definitiva, la Federazione russa sarebbe distrutta dagli Stati Uniti – e viceversa −in un confronto nucleare, ma vincerebbe in caso di guerra convenzionale.

Solo i russi e i siriani hanno la capacità di valutare la situazione sul campo. Tutti i commenti militari provenienti da altre fonti, tra cui i jihadisti, sono privi di fondamento perché solo la Russia e la Siria hanno una visione del territorio. Tuttavia Mosca e Damasco intendono sfruttare al massimo il loro vantaggio e quindi mantengono la segretezza delle loro operazioni.

Da alcuni comunicati ufficiali e dalle confidenze dei funzionari si può dedurre che sono stati uccisi almeno 5.000 jihadisti, fra cui molti capi di Ahrar al-Sham, di Al-Qa’ida e dell’Emirato Islamico (ISIS). Almeno 10.000 mercenari sono fuggiti verso la Turchia, l’Iraq e la Giordania. L’esercito arabo siriano e Hezbollah hanno riconquistato il terreno senza attendere gli annunciati rinforzi iraniani.

La campagna di bombardamenti dovrebbe terminare entro il Natale ortodosso. La questione che si porrà allora sarà di sapere se la Russia è o non è autorizzata a completare il suo lavoro braccando i jihadisti che si rifugiano in Turchia, Iraq e Giordania. Se così non fosse la Siria sarebbe salva, nondimeno il problema non sarebbe risolto perché i Fratelli Musulmani non mancherebbero di cercare una vendetta e gli Stati Uniti di utilizzarli nuovamente contro altri bersagli.

Da ricordare:
- L’operazione russa in Siria è stata progettata per privare i gruppi jihadisti del sostegno statale di cui dispongono dietro il paravento dell’aiuto ai "dissidenti democratici".
- Essa ha richiesto l’uso di armi nuove e si è trasformata in una dimostrazione di forza russa.
- La Russia possiede ormai una capacità di disturbo di tutte le comunicazioni della NATO ed è diventata la prima potenza nel campo della guerra convenzionale.
- Questa performance ha alimentato la discordia a Washington. È troppo presto per dire se sarà favorevole al presidente Obama o se sarà usata dai "falchi liberali" per giustificare un aumento del bilancio militare.

Traduzione
Marco Emilio Piano

Fonte
Megachip-Globalist (Italia)

[1] “Russian Military Uses Syria as Proving Ground, and West Takes Notice”, Steven Lee Myers & Eric Schmitt, The New York Times, October 14, 2015.

[2] “Top NATO general: Russians starting to build air defense bubble over Syria”, Thomas Gibbons-Neff, The Washington Post, September 29, 2015.

[3] “How America can counter Putin’s moves in Syria”, by Condoleezza Rice, Robert M. Gates, Washington Post (United States), Voltaire Network, 8 October 2015.

[4] L’unico studio disponibile è ben al di sotto la realtà : Russia’s quiet military revolution and what it means for Europe, Gustav Gressel, European Council on Foreign Relations, October 2015.

[5] «Russisches Syrien-Abenteuer: Das Ende der alten Weltordnung», Matthias Schepp, Der Spiegel, 10. Oktober 2015.

[6] “Cos’ha terrorizzato l’USS Donald Cook nel Mar Nero?”, Traduzione di Alessandro Lattanzio, Rete Voltaire, 24 settembre 2014.

[7] «Cu ce arme ultrasecrete a cîstigat Putin suprematia în razboiul radioelectronic din Siria ?», Valentin Vasilescu, Ziarul de gardã, 12 octobre 2015. Versione francese : «L’arme ultrasecrète qui permet à Poutine d’assoir sa suprématie dans la guerre radio électronique en Syrie ?», Traduction Avic, Réseau international.

[8] “KALIBRating the foe: strategic implications of the Russian cruise missiles’ launch”, by Vladimir Kozin, Oriental Review (Russia), Voltaire Network, 14 October 2015.

[9] Dopo aver annunciato il contrario, gli Stati Uniti hanno dovuto ammettere i fatti: “First on CNN: U.S. officials say Russian missiles heading for Syria landed in Iran”, Barbara Starr & Jeremy Diamond, CNN, October 8, 2015. “Moscow rejects CNN’s report on Russian missile landing in Iran”, IRNA, October 8, 2015. “Daily Press Briefing”, John Kirby, US State Department, October 8, 2015. “Пентагон не комментирует сообщения о якобы упавших в Иране ракетах РФ”, RIA-Novosti, October 8, 2015.

Thierry Meyssan

Thierry Meyssan Intellettuale francese, presidente-fondatore del Rete Voltaire e della conferenza Axis for Peace. Pubblica analisi di politica internazionale nella stampa araba, latino-americana e russa. Ultimo libro pubblicato: L’Effroyable imposture : Tome 2, Manipulations et désinformations (éd. JP Bertand, 2007). Recente libro tradotto in italiano: Il Pentagate. Altri documenti sull’11 settembre (Fandango, 2003).

 
15 anni di crimini
15 anni di crimini
Dall’11 settembre 2001 a oggi
 
Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.