Rete Voltaire

Disfatta militare di Daesh

+

Mentre Mosul (Iraq) è stata liberata e Raqqa (Siria) lo è stata in parte, decine di migliaia di soldati di Daesh sono stati uccisi e altre decine di migliaia sono in fuga.

Tuttavia, in questo mese il Califfato ha versato il salario a 19.000 soldati, così ripartiti:
- 7.000 in Iraq
- 12.000 in Siria.

Nel 2014, al momento della conquista d’Iraq e Siria, Daesh – che altro non è che un gruppo jihadista fra altri – affermava di avere 40.000 combattenti. Nello stesso anno, 80.000 membri dell’Ordine dei Naqshbandi (formato soprattutto da ex soldati iracheni di Saddam Hussein) e 120.000 combattenti delle tribù irachene si erano uniti alle milizie di Daesh. Quindi, al momento della proclamazione del Califfato, Daesh disponeva di 240.000 soldati.

Traduzione
Rachele Marmetti
Il Cronista

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.