Rete Voltaire

I gruppi armati ad Aleppo s’impegnano per uno stato islamico

+

I gruppi armati presenti ad Aleppo si sono riuniti per denunciare la creazione della Coalizione Nazionale e invocare l’istituzione del califfato.

Nel video qui sotto, il portavoce elenca i principali gruppi armati che partecipano alla riunione: Gabhat al-Nousra (Fronte al-Nousra), Kataeb Ahrar al-Sham (Falange libera della terra di Ham) Liwaa al-tawhiid (Falange dell’unificazione), Ahrar souria (Uomini di Siria) Halab al-Shahba al-Islami Kataeb, Haraket al-Fagr al-Islamyia (L’alba del Movimento islamico), Dra al-Ummah (Corazza della nazione) Kataeb Anadan, Kataeb al-Islam, Liwa’a Gaish Muhammad (Battaglione di Mouhammad) Liwa’a al-Nasr (Falange vittoriosa), Kataeb al-Baz, Kataeb Sultan al-Muhammad, Liwa’a dra al-Islam (Falange armatura dell’Islam), ecc.

Poi, il portavoce ha detto di respingere la congiura della cosiddetta "Coalizione Nazionale", decidendo all’unanimità la formazione di uno stato islamico e di rifiutare qualsiasi progetto esterno (coalizione, consiglio, ecc.) che gli verrebbe imposta, dovunque provenisse.

Questa dichiarazione impegna solo i "rivoluzionari" della "zona liberata di Aleppo" [in realtà, tre quartieri della città], ma è rappresentativo dello stato d’animo di tutti i gruppi armati in Siria. Mentre l’opposizione si mostra democratica sui gradini dell’Elisei, nessuno dei i gruppi armati in Siria si richiama alla democrazia. Al contrario, tutti, senza eccezione, sostengono l’islamismo sunnita.

Tre settimane fa, l’80% dei gruppi armati ha cercato di formare un centro di comando vicino Idlib. Tutti i partecipanti hanno riconosciuto sheikh Adnan al-Arour leader spirituale e il predicatore aveva pronunciato un discorso. Nel frattempo, i comandanti che si oppongono alla linea islamista sono stati liquidati. Resta solo i gruppi salafiti, wahabiti o takfiristi.

Sono questi gruppi che la Francia arma segretamente da mesi e si propone ora di armare ufficialmente.

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Autori: diplomatici, economisti, geografi, storici, giornalisti, militari, filosofi, sociologi... potete inviarci i vostri articoli.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.

Estensione della guerra del gas al Levante
«Sotto i nostri occhi»
Estensione della guerra del gas al Levante
di Thierry Meyssan
Una jihad globale contro i BRICS?
Una jihad globale contro i BRICS?
di Alfredo Jalife-Rahme
Ucraina, obiettivo centrato
«L’arte della guerra»
Ucraina, obiettivo centrato
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Gaza, il gas nel mirino
«L’arte della guerra»
Gaza, il gas nel mirino
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Il "Kurdistan", versione israeliana
Il "Kurdistan", versione israeliana
di Thierry Meyssan, Rete Voltaire
 
Come l'Italia contribuisce ai raid israeliani
Come l’Italia contribuisce ai raid israeliani
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Tricolore nel Mar Nero
«L’arte della guerra»
Tricolore nel Mar Nero
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire