Rete Voltaire

YouTube censura i canali del governo siriano

+

L’8 settembre 2019 YouTube, proprietà di Google, ha chiuso i canali del governo siriano, fra cui quello della presidenza della Repubblica, del ministero della Difesa e anche dell’agenzia di stampa governativa Sana.

YouTube non ha fornito spiegazioni.

Poiché i canali esistono da diversi anni e hanno programmi differenziati, questa censura collettiva non può trovare ragione nei contenuti, bensì soltanto nell’editore: il governo della Repubblica Araba Siriana.

Gli Stati Uniti minacciano d’attaccare entro breve la Siria. Il Pentagono ha presentato al presidente Trump un piano di bombardamento del Paese che comprende la distruzione delle istallazioni radio e telediffusione. In caso di attacco occidentale, il governo siriano sarebbe impossibilitato a comunicare con i suoi cittadini e con l’estero.

Traduzione
Rachele Marmetti

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.