Rete Voltaire
Dividere per regnare meglio

La scissione del continente europeo al servizio degli Stati Uniti

La regionalizzazione dell’Europa potrebbe essere sviata dal suo senso iniziale in favore di uno squlibrio delle istituzioni. Diverrebbe allora uno strumento per smembrare politicamente l’Europa, lasciando così campo libero al dominio dell’Impero statunitense. Pierre Hillard analizza questa variante della dottrina Wolfowitz: come trasformare il sogno di unità europea nell’incubo della jugoslavizzazione generalizzata.

| Parigi (Francia)
+

Le modalità della costruzione europea dipendono dall’idea che ci si fa dell’unità dell’Europa e del suo ruolo nel mondo. Dopo aver pilotato la creazione dell’Unione per stabilizzare l’Europa occidentale e sottrarla all’influenza sovietica, gli Stati Uniti incoraggiano oggi a un tempo la sua espansione geografica e la sua diluizione politica. L’Unione potrebbe allora assorbire la Russia e triturare gli Stati membri in una miriade di regioni, che si trasformerebbero in una vasta zona di libero scambio protetta dalla potenza militare degli Stati Uniti.

Al contrario di un’idea diffusa, numerose forze per promuovere questo progetto si trovano già nel seno dell’Unione, come lo attesta la carta ufficiale che riproduciamo.

JPEG - 36.3 Kb
Tavola delle regioni d’Europa
Elaborata e pubblicata dall’Assemblea delle Regioni d’Europa (ARE) nel 2002.

Creato nel 1985 da Francia, Spagna e Portogallo, questo istituto fu ripreso nel 1987 dai Tedeschi che vi infusero principi federalisti, regionalisti e etnici, il tutto in collegamento con organismi europei come il Comitato delle Regioni, il Congresso dei Poteri locali e regionali d’Europa (CPLRE) o il Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa (CCRE). L’interesse maggiore di questo documento è quello di rivelare il senso nascosto dell’attuale forma della regionalizzazione europea. Questa non riguarda soltanto l’attuale Unione, ma è concepita per estendersi a tutta l’Eurasia. Tutti gli Stati dell’Europa centrale, gli Stati baltici, l’Ucraina, la Russia - con una frontiera all’est che si stende verso la Siberia -, gli Stati del Caucaso e la Turchia sono già integrati in questo progetto europeo o piuttosto euro-atlantico. L’adesione all’Unione non sarebbe più il mezzoper realizzare l’unità europea, ma al contrario per smembrare il continente, assicurando così il trionfo pacifico dell’iperpotenza statunitense secondo il principio classico «dividere per regnare». La regionalizzazione, presentata come un mezzo per ravvicinare i cittadini ai luoghi dove si decide, non sarebbe altro che un artifizio per prevenire l’emergenza di una Europa-potenza, in applicazione della «dottrina Wolfowitz» [1].

Poco prima di lasciare la Casa Bianca, il presidente Clinton ha presentato la visione statunitense dell’Europa in un discorso che magnificava il blocco transatlantico. Egli sottolineava anche, e in modo molto netto, che ·« l’unità dell’Europa sta per dar vita a qualcosa di veramente nuovo sotto il sole: istituzioni comuni più vaste dello Stato-nazione parallelamente alla delegazione dell’autorità democratica ai gradini inferiori. La Scozia e il Galles hanno i loro propri parlamenti. L’Irlanda del Nord, dalla quale proviene la mia famiglia, ha trovato il suo nuovo governo. L’Europa è piena di vita e risuona di nuovo dei nomi di antiche regioni delle quali si torna a parlare - la Catalogna, il Piemonte, la Lombardia, la Slesia, la Transilvania, ecc. - non in nome di un separatismo qualsiasi, ma in uno slancio di sana fierezza e di rispetto della tradizione. La sovranità nazionale è arricchita di voci regionali piene di vita che fanno dell’Europa un luogo che garantisce meglio l’esistenza della diversità ·»  [2].

La « simpatia » americana verso questa forma di regionalizzazione si spiega col trasferimento del potere politico dagli Stati verso le regioni. Ormai la «regione-Stato» si fregia di un’autonomia politica sempre più grande nei campi che riguardano l’amministrazione, la giustizia, il sistema bancario e postale o ancora l’educazione, che diviene sempre più un’educazione regionale - per quanto dicano le autorità ufficiali. Ora queste istanze politiche regionale sono portate a trattare direttamente con quelle soprannazionali di Bruxelles, cortocircuitando l’autorità nazionale. Questo non può che riempire di soddisfazione i dirigenti politici ed economici americani i quali, attraverso le loro potenti lobby presenti in massa a Bruxelles, potranno instaurare contatti direttamente con la Lombardia, l’Alsazia, la Catalogna ecc. Fra la considerevole potenza politica, militare ed economica degli Stati Uniti da una parte e dall’altra una qualsiasi regione europea, si indovina senza fatica che vantaggi Washington ricaverà da questi affari.

Per potenziare la presa completa americana sul vecchio continente, gli Stati Uniti hanno presentato al solo governo tedesco un vero e proprio programma per l’estensione all’est dell’Unione Europea e della NATO. Secondo il Financial Times Deutschland del 24 ottobre 2002 l’obiettivo di una Europa libera e unita» deve articolarsi secondo le modalità seguenti. Dopo l’integrazione di dieci Stati nel 2004 (Polonia, Repubblica ceca, Slovacchia, Ungheria, Slovenia, Lituania, Lettonia, Estonia, Cipro e Malta), le trattative per l’adesione dell’Ucraina alla NATO dovrebbero cominciare nel 2004, seguite da quelle della Serbia nel 2005, della Croazia e dell’Albania nel 2007. Inoltre, secondo questo programma, gli Stati Uniti vedrebbero di buon occhio l’adesione della Turchia all’Unione Europea per il 2007. Infine, il Financial Times Deutschland aggiunge che l’integrazione completa dei Balcani e dell’Ucraina nelle istituzioni euro-atlantiche deve essere completa per il 2010.

Almeno conosciamo la data-limite degli obiettivi americani. In questa parcellizzazione europea, che attribuisce il primato politico alle regioni a spese delle nazioni, in contatto diretto con tutte le lobby finanziarie di Bruxelles, la Germania ricopre un ruolo decisivo. Effettivamente, all’origine della regionalizzazione in Europa ( raccomandazione 34/1997 del Congresso dei Poteri locali e regionali d’Europa ). la Germania sottopone il Continente alla concezione istituzionale che Britannici e Americani le hanno imposto alla Conferenza di Postdam (11 luglio - 2 agosto 1945) e in occasione della creazione delle due zone d’occupazione (2 dicembre 1946). In quell’epoca il ruolo attribuito ai Länder mirava nello stesso tempo a ristabilire le libertà soppresse dal centralismo del Terzo Reich e a privare la Germania dello stato di grande potenza. Questo dispositivo era stato approvato dalla Francia che, secondo la battuta di Mauriac a proposito delle zone d’occupazione, amava tanto la Germania da preferire che ve ne fosse più di una. Inoltre, gli Anglosassoni resero stabili queste istituzioni sacralizzando la Costituzione tedesca e creando una Corte costituzionale indipendente a Karlsruhe.

Ciononostante il vassallaggio dell’Europa di fronte agli Stati Uniti non ha più ragione d’essere, dopo la dissoluzione dell’Unione sovietica e lo scioglimento del Patto di Varsavia. La classe dirigente tedesca, per quanto la riguarda, si trova divisa, da una parte vi sono coloro che sognano una potenza indipendente e si sono espressi rifiutando di associarsi all’attacco all’Iraq, e dall’altre chi preferisce minimizzare i rischi e svolgere la parte di governatore delegato dell’Impero per l’Europa. Questi qui si sono affannati a giocare i tempi supplementari nello smembramento della Jugoslavia e nella guerra del Kossovo. Da quel punto queste contraddizioni potrebbero trovare una soluzione se ci si sbarazzasse della tutela americanaÊ per rimanere soli padroni a bordo, secondo il buon vecchio «principio di Iznogoud» (essere califfo al posto del califfo). Tutto il problema risiede nella capacità degli anglosassoni nel convincere le élite tedesche di recitare la aprte ch’essi hanno loro assegnato nel nuovo ordine mondiale.

In ogni caso, la scomposizione dell’Europa come la presenta questa carta dell’ARE è ancora in fase transitoria. In realtà, la prima emergenza delle regioni è preliminare al passare ad un altro livello: il riadattamento delle frontiere regionali in funzione dei criteri economici ed etnici. Nel quadro dell’interregionalismo sono possibili numerosi raggruppamenti, come a esempio fra le entità basche francese e spagnola o ancora fra l’Alsazia e il Baden. È la scommessa della carta elaborata dalla commissione europea nel 2002 [3]. Effettivamente, poiché l’obiettivo era quello di creare un vasto mercato economico di libero scambio transatlantico, i tecnocrati di Bruxelles hanno proceduto a revisioni territoriali allo scopo di creare dei gruppi economici come contemplano i testi ufficiali: InterregIIIB raggruppa ormai tutte le azioni di cooperazione transnazionale che coinvolgono le autorità nazionali, regionali e locali e gli altri soggetti socioeconomici. L’obiettivo è quello di promuovere l’integrazione territorialeÊ nel seno di grandi gruppi di regioni europee comprese quelle oltre all’Unione dei Quindici, come pure fra gli Stati membri e i Paesi candidati o gli altri Paesi vicini, e di favorire così uno sviluppo durevole, equilibrato e armonioso dell’Unione. Un’attenzione particolare è rivolta specialmente alle regioni ultraperiferiche e insulari [4].

Questa rivoluzione politica, geopolitica e sociale in Europa è sul punto di fare un passo decisivo con il riconoscimento di una personalità giuridica per l’Unione Europea. Ciò che può apparire come il coronamento di un sogno di unità contiene in sé elementi che, in questo particolare contesto e in assenza di parapetti, possono andare alla deriva verso l’incubo della jugoslavizzazione generale.

Traduzione dal francese di José F. Padova

[1] cfr. Defense Policy Guidance for the Fiscal Years 1994-1999 , US Department of Defense, 18 febbraio 1992. Estratti di questo documento sono stati pubblicati su The New York Times dell’ 8 marzo 1992.

[2] Estratto del discorso del presidente Clinton in occasione della consegna del premio Carlo Magno, Aix-la-Chapelle, 2 giugno 2002.

[3] v. la carta dei 13 programmi , INTERREG IIIB 2000-2006 ,Les politiques structurelles et les territoires de l’Europe, Coopération sans frontières , Commission européenne, 2002

[4] ibid, p. 8.

Pierre Hillard

Pierre Hillard Dottore in scienze politiche e professore di relazioni internazionali. Le sue ricerche riguardano principalmente la strumentalizzazione dell’Unione europea nella costituzione di un blocco euro-atlantico. Ultimo libro pubblicato: Bertelsmann : Un empire des médias et une fondation au service du mondialisme (François-Xavier de Guibert éd., 2009).

 
Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.