Intervistato il 3 maggio scorso da OdaTV, un consigliere politico del presidente Erdoğan, Ilnur Cevik, ha dichiarato che le truppe turche continueranno a colpire il PKK in Siria.

Di conseguenza, ha osservato Cevik, non è impossibile che l’esercito turco bombardi “accidentalmente” soldati americani se quest’ultimi insistono a inquadrare gli indipendentisti curdi.

Questa dichiarazione avviene nel momento in cui la Turchia, membro della NATO, cerca di avvicinarsi alla Russia.

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo