Rete Voltaire

I crimini dei Barzani nei confronti dei non-curdi

+

Il sindaco di Kirkuk, sceicco Hatem Al-Taei, ha pubblicato una prima lista di 7.000 abitanti che furono rapiti e imprigionati dalla polizia segreta dei Barzani, l’Assayish, durante l’occupazione kurda del distretto.

Se le famiglie osavano protestare, i prigionieri sparivano definitivamente.

Il PDK di Mas’ud Barzani aveva annesso la regione araba di Kirkuk e intendeva integrarla in uno pseudo Kurdistan protetto da Israele. L’esercito iracheno ha recentemente liberato la regione. Le truppe d’occupazione se ne sono andate senza combattere e oltre 100.000 coloni kurdi sono fuggiti.

Le vittime erano abitanti non-kurdi, soprattutto arabi, sia sunniti sia cristiani, ma anche turcomanni.

Traduzione
Rachele Marmetti
Il Cronista

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.