JPEG - 24.5 Kb

Questo articolo segue:
- 1. « Kirghizistan, un perno geopolitico »
- 2. « La Cina e il futuro geopolitico del Kirghizistan »

Chiaramente, ciò che sta accadendo in Kirghizistan interessa anche i vertici di Mosca. La Russia si è affrettata a riconoscere la legittimità del nuovo governo provvisorio in atto a Bishkek e ad aumentare il suo aiuto finanziario, dimostrando l’importanza del futuro politico di questo paese eurasiatico agli occhi dei russi. Non solo il Kirghizistan era parte integrante dell’Unione Sovietica fino al 1991, ma resta ancora oggi un territorio geografico con un’importante posta in gioco geostrategica.

L’atteggiamento, amichevole o ostile, che adotterà il Kirghizistan nei confronti di Mosca avrà una grande influenza sulla stabilizzazione o di destabilizzazione, di questa regione alla periferia della Russia.

E ’chiaro che l’amministrazione Medvedev-Putin sta prendendo in considerazione tutte le possibilità immaginabili - dai contratti di gas con Gazprom fino alla vendita di armi - per affrontare la minaccia di accerchiamento delle Nazioni Unite, il cui picco è stato nel 2004 - 2005 con le "Rivoluzioni colorate" provocate da Washington, in Georgia, Ucraina e in ultimo luogo in Kirghizistan con la "Rivoluzione dei Tulipani" che ha portato Bakiyev al potere, l’uomo forte degli Stati Uniti.

Come ho spiegato in un precedente articolo, "Ukraine Geopolitics and the US-NATO Military Agenda : Tectonic Shift in Heartland Power" [1], i risultati delle elezioni presidenziali in Ucraina all’inizio di quest’anno prevedevano un andamento nettamente favorevole dal punto di vista della sicurezza militare russa. La minaccia di adesione dell’Ucraina alla NATO è stata eliminata e con essa il rischio che i russi debbano subire un’ ulteriore chiusura delle proprie condutture, quelle che passano attraverso l’Ucraina e che collegano la Germania ed altre regioni dell’Europa occidentale, scorie dell’ integrazione economica sovietica.

In gennaio la Russia, Bielorussia e Kazakhstan hanno firmato un accordo comune di unione doganale. La Bielorussia è un partner vitale della Russia in quanto è in contatto con Ucraina e Polonia. Il Kazakistan, a riguardo, è un paese ex comunista di importanza strategica e si trova tra il Kirghizistan e la Russia. Si tratta di un importante fornitore di energia della Cina in quanto ospita grandi depositi di petrolio e di altre fonti energetiche. Inoltre, è il maggior produttore di uranio nel mondo.

La costituzione di un regime di neutralità in Kirghizistan, alleato sia del Kazakistan che della Russia potrebbe significare lo sviluppo di una zona commerciale di capitale per gli interessi russi. Tale regime offrirebbe una certa flessibilità per stabilizzare la valle di Ferghana, una regione agricola densamente popolata nel cuore dell’Asia centrale, che si estende sui territori del Kirghizistan, Uzbekistan e Tagikistan.

JPEG - 39.1 Kb
La valle di Ferghana è la zona più densamente popolata dell’Asia centrale. Soffre di instabilità cronica e disordini ininterrotto dalla disgregazione dell’Unione Sovietica.

Secondo l’agenzia di stampa moscovita RIA Novosti, il 19 aprile, il Vice Primo Ministro del governo provvisorio del Kirghizistan, Almazbek Atambayev, ha annunciato dopo un incontro con il Primo Ministro kazako Karim Masimov che il suo Paese vuole aderire all’Unione doganale attorno alla Russia. Esprimendosi in questi termini: "Condividiamo una storia comune con il Kazakistan e la Russia, il nostro futuro è chiaramente dalla loro parte in uno spazio comune economico e doganale". Atambayev ha anche detto che la Russia e il Kazakistan non sono state in alcun modo responsabili per i recenti avvenimenti in Kirghizistan, "La Russia e il Kazakistan non sono coinvolti in alcun complotto, vogliono solo offrire assistenza [al Kirghizistan]. [2].

Per Mosca, un governo filo-russo del Kirghizistan o addirittura completamente neutrale segnerebbe una tappa importante nel suo posizionamento sulla scacchiera eurasiatica. Tuttavia, la situazione rimane instabile da qualsiasi punto di vista. Il presidente russo Medvedev ha di recente espresso riserve in un’importante conferenza stampa a Mosca con il suo omologo uzbeko Islam Karimov: "Se la Russia ha fornito aiuti umanitari al Kirghizistan, una cooperazione economica globale sarà possibile solo dopo la restaurazione di istituzioni dstatali" [3].

L’Uzbekistan si avvicina al Cremlino

Uno dei vantaggi per la Russia dei disordini in Kirghizistan è il riscaldamento apparente delle relazioni passate tra il presidente uzbeko Karimov, e il Cremlino.

Il 20 aprile Karimov ha visitato Mosca per colloqui con Medvedev e ha dichiarato alla stampa russa che i due paesi hanno messo da parte le loro varie dispute ed ora condividono le stesse preoccupazioni circa il rischio di una più ampia instabilità politica al di là del Kirghizistan. Karimov teme infatti un’escalation incontrollabile di tensioni che potrebbero inghiottire l’Uzbekistan [4]. Solo poche settimane prima della cacciata di Bakiyev in aprile, l’inviato speciale Usa per l’Afghanistan e il Pakistan, Richard Holbrooke, aveva visitato Karimov in Uzbekistan. Holbrooke ripete i tentativi statunitensi per far ritornare Karimov nel loro campo. Sembra che abbia subito un netto rifiuto netto [5].

Nel 2003 la Russia si è vista concedere il diritto di installare una propria base militare a Kant, vicino a Bishkek, la prima fuori della Russia dopo il crollo dell’Unione Sovietica nel 1991. Inoltre, la Russia ha un’altra base strategica. Si trova sulla sponda orientale del Lago Issyk-Kul, nelle cui acque testa nuove tecnologie di sommergibili e siluri, compresa quella del supercavitanti con il siluro VA-111 Chkval, un’arma la cui velocità supera i 200 nodi, originariamente progettato per essere indirizzato alle portaerei degli Stati Uniti americani. Nel marzo 2008, la Russia ha firmato il contratto definitivo per il funzionamento della base di Kant, il cui affitto annuale arriva a 4,5 milioni di dollari [6].

JPEG - 40.9 Kb
Nel 2003, i presidenti della Federazione Russa, Vladimir Putin (a sinistra) e del Kirghizistan, Askar Akayev, inaugurano la base aerea russa di Kant. Questa base militare è quattro volte più piccola di quella occupata dagli Stati Uniti a Manas.

Gli accordi fra la Russia e il Kirghizistan per la gestione di questa base sono stati uno dei motivi che hanno spinto Washington ad organizzare la "Rivoluzione dei Tulipani" nel 2005 per installare al potere il regime filo-statunitense di Bakiev.

In un primo momento, gli analisti erano convinti che il governo di transizione di Roza Otunbayeva avrebbe ritirato agli Stati Uniti, e su ordine di Mosca, i loro diritti di gestione della base di Manas. Ma contro ogni pronostico, Otunbayeva sembra aver abbandonato il suo impegno iniziale, affermando che la base di Manas resterebbe accessibile al Comando Centrale Usa. E senza che Mosca reagisse finora.

Secondo fonti russe vicine al governo, il Cremlino potrebbe ora prendere in considerazione i benefici che avrebbe, nei prossimi due anni, permettendo agli USA di utilizzare la base aerea di Manas per proseguire il loro sforzo bellico in Afghanistan. In cambio, Mosca avrebbe rinnovato il recente invito agli Stati Uniti per arginare il traffico di oppio tra l’Afghanistan e la Russia [7]. Una di queste fonti, ha dichiarato: "La base aerea non si chiude, ma sarà utilizzata come leva per negoziare con gli Stati Uniti circa, tra le altre cose, degli stupefacenti. Nei prossimi mesi il contratto annuale (per la gestione della base di Manas) si concluderà, è l’ occasione per porre le nostre condizioni" [8].

Nel mese di ottobre 2009, il presidente kirghizo Bakiyev allora in carica, sciolse l’Agenzia per la lotta ala droga, responsabile di intercettare le droghe illegali che circolavano dall’Afghanistan alla Russia. Le nostre informazioni indicano che il fratello dell’ex presidente Bakiyev ha successivamente rafforzato le operazioni di controllo contro il traffico proveniente dall’Afghanistan [9].La presa di posizione per rafforzare la volontà di Mosca di espellere Bakiyev lo scorso aprile non è chiaramente definita.

Poco importa come Mosca prevede di utilizzare la base aerea di Manas, come la moneta di cambio, la Russia e la Cina hanno un chiaro interesse a mantenere relazioni stabili e amichevoli con il Kirghizistan. Tanto più se si considera che la Russia confina con il Kazakistan, l’Uzbekistan e il Tagikistan, tutti membri dell’ Organizzazione di Cooperazione di Shanghai, l’organizzazione economica e militare eurasiatica emergente. In questo contesto, una più stretta cooperazione con il Kirghizistan apporterà un indubbio vantaggio per la Russia; gli avrebbe dato la possibilità di "respingere", come dicono alcuni, l’invasione americana dell’Eurasia [10]. Ci vorranno diversi mesi prima di conoscere l’evoluzione di questa situazione.

In queste condizioni, cosa rischiano in ultima analisi, gli Stati Uniti in questa partita del loro progetto di strategia globale in Asia centrale, e più in generale in Eurasia? Vedremo nella parte IV di questo dossier. La risposta è già chiara: tutto.

(Segue…)

Traduzione di Voici Dalla Strada.com

[1] F. William Engdahl, «Ukraine Geopolitics and the US-NATO Military Agenda : Tectonic Shift in Heartland Power», Voltaire Network , 24 marzo 2010.

[2] Astana, «Kyrgyzstan wants to join Russian-led post-Soviet customs union», 19 aprile 2010, Mosca RIA Novosti .

[3] RIA Novosti, « Il Kirghizistan deve ripristinare le istituzioni statali – Medvedev », Mosca, 20 aprile 2010.

[4] Alessandro Osipovic, « Uzbekistan: Spooked by Kyrgyz unrest, Karimov warms to Russia », Mosca, 21 aprile 2010, RIA Novosti.

[5] Dawn, « US not to use Uzbek base, says Holbrooke », Astana, 21 Febbraio 2010.

[6] John CK Daly, op.cit.

[7] "Epiphanes", Russian blog comments from former FSB officer on Kyrgyzstan évents , 8 avril 2010.

[8] Kyrgyzstan National Security Service.

[9] Erica Marat, « Kyrgyzstan Relaxes Control over Drug Trafficking » , Eurasia Daily Monitor , Vol.7, numero 24,4 febbraio 2010.

[10] K. Gajendra Singh, op. cit.