Il parlamento iracheno ha affidato alla Commissione per la Difesa l’incarico di svolgere un’inchiesta sugli ultimi attacchi turchi.

Da molti anni la Turchia mantiene illegalmente forze militari in Iraq, così come a Cipro e in Siria. Nelle ultime settimane Ankara ha bombardato illegalmente il territorio iracheno, distruggendo basi del PKK.

La Turchia dichiara di essere in diritto di attaccare il PKK, che considera un’organizzazione terrorista.

Tutte le richieste presentate dall’Iraq al Consiglio di sicurezza dell’ONU sono state fino a oggi ignorate.

Tuttavia, la situazione dovrebbe modificarsi in seguito all’annuncio dell’amministrazione Trump di considerare il PKK indispensabile nella lotta agli jihadisti.

L’Iraq è uno dei pochi Stati arabi che mantengono relazioni diplomatiche con la Siria.

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo