Rete Voltaire

L’Iran ha ora un terzo nemico: la Francia

| Teheran (Iran)
+

L’Ayatollah Ali Khameinei, Guida Suprema della Rivoluzione Islamica, ha fatto un importante discorso a Mashad, in occasione della celebrazione del nuovo anno (Noruz). Il leader iraniano ha tracciato un bilancio dell’anno scorso e delle prospettive per le prossime elezioni presidenziali.

Durante il suo discorso, ha detto che l’Iran affronta da decenni Regno Unito e Stati Uniti. Ha detto che dal 2007 la Repubblica ha un nemico più: la Francia. Ovviamente si potrebbe aggiungere Israele, ma è uno Stato artificiale che non esiste di per sé.

Il leader ha detto: "A parte gli Stati Uniti, principale nemico dell’Iran e centro di tutte queste macchinazioni, ci sono altri nemici tra cui il malvagio governo britannico che non segue che il governo degli Stati Uniti. La Repubblica islamica dell’Iran non ha problemi con il governo e il popolo francesi, ma il governo francese ha adottato una politica ostile alla nazione iraniana negli ultimi anni, in particolare dall’elezione di Nicolas Sarkozy, e continua questa politica sbagliata e senza senso. Il regime sionista, nel frattempo, è troppo piccolo per far parte dei nemici della nazione iraniana".

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Autori: diplomatici, economisti, geografi, storici, giornalisti, militari, filosofi, sociologi... potete inviarci i vostri articoli.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.

Clinton, Juppé, Erdoğan, Daesh e il PKK
Un folle ambizione si trasforma in guerra civile
Clinton, Juppé, Erdoğan, Daesh e il PKK
di Thierry Meyssan
La Turchia in pericolo
La Turchia in pericolo
di Thierry Meyssan
Patto militare Grecia-Israele
«L’arte della guerra»
Patto militare Grecia-Israele
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
La Ue si arruola nella Nato
“L’arte della guerra”
La Ue si arruola nella Nato
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Prime conseguenze dell'accordo fra Iran e 5+1
Prime conseguenze dell’accordo fra Iran e 5+1
di Thierry Meyssan, Rete Voltaire
 
Promuovere la yuanizzazione dell'economia globale
IL COMPITO DEI BRICS
Promuovere la yuanizzazione dell’economia globale
di Ariel Noyola Rodríguez, Rete Voltaire
 
L'Europa ancora in prima linea
“L’arte della guerra”
L’Europa ancora in prima linea
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire