Rete Voltaire

L’UE liquida il controllo interparlamentare sulla sua politica di difesa

+

I dieci Stati membri dell’Unione Europea Occidentale (UEO), hanno annunciato, senza preavviso, il 31 marzo 2010, la dissoluzione di questa struttura. Tutti gli organi amministrativi saranno liquidati entro la fine di giugno 2011. Questa decisione è stata accelerata dall’annuncio, il 13 marzo, dell’imminente denuncia del Trattato di Bruxelles (1948) da parte del Regno Unito.

Constatando che il Trattato di Lisbona istituisce una clausola di mutua difesa, Germania, Belgio, Spagna, Francia, Grecia, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo e Regno Unito ritengono che l’UE prenda il posto della UEO e hanno, dunque, smantellato l’organizzazione.

In realtà, gli organi esecutivi della UEO erano inattivi da lungo tempo, solo l’Assemblea parlamentare operava. Contrariamente a molte raccomandazioni a questo proposito, il trattato di Lisbona non istituisce un organo di controllo interparlamentare sulla politica europea di sicurezza e difesa (PESD), o trasferisce i poteri dell’Assemblea parlamentare dell’UEO al Parlamento europeo.

Alla fine di questo gioco di prestigio, si va, senza un dibattito negli stati interessati, verso un nuovo quadro istituzionale, in cui il controllo della politica europea... sarà affidato all’Assemblea parlamentare della NATO. Nel frattempo, viene effettuato solo il controllo dei parlamentari nazionali, che è insufficiente e apre la porta ad abusi di potere.

A Bruxelles, l’Alto rappresentante Cathy Ashton gestisce il Collegio Europeo di Sicurezza e Difesa, l’Istituto Europeo per gli Studi sulla Sicurezza, il Centro Satellitare (CSUE) e l’Agenzia Europea di Difesa (EDA), cui deve essere aggiunto il Servizio Europeo per l’Azione Esterna (un’agenzia di intelligence in via di creazione). Le truppe dell’Unione sono impegnate nel Golfo di Aden, Bosnia-Erzegovina e Ciad.

Nell’ultima conferenza di sicurezza, a Monaco di Baviera, il ministro degli affari esteri tedesco, Guido Westerwelle, aveva sostenuto la creazione di un esercito europeo. Il progetto, respinto dalla Francia nel 1954, è il modo migliore per subordinare la difesa europea alla NATO, come previsto dall’articolo 42 del trattato di Lisbona (che è testualmente l’articolo I-41 del progetto di trattato costituzionale europeo, che è stato respinto da francesi e olandesi).

==

- «Qui contrôlera la politique européenne de Défense?», Thierry Meyssan, 3 dicembre 2003.
- «Nous voulons établir un contrôle parlementaire de la politique de défense européenne», Intervista del presidente Armand De Decker con Thierry Meyssan, 6 gennaio 2004.
- «Communiqué de dissolution de l’Union de l’Europe occidentale», 31 marzo 2010.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.

L'invasione turca del Rojava
TUTTO QUEL CHE VI NASCONDONO SULL’OPERAZIONE TURCA “FONTE DI PACE” 3/3
L’invasione turca del Rojava
di Thierry Meyssan
Il Kurdistan immaginato dal colonialismo francese
Tutto quel che vi nascondono sull’operazione turca “Fonte di pace” (2/3)
Il Kurdistan immaginato dal colonialismo francese
di Thierry Meyssan
La genealogia della questione kurda
Tutto quel che vi nascondono sull’operazione turca “Fonte di pace” (1/3)
La genealogia della questione kurda
di Thierry Meyssan