L’11 giugno 2017 si è svolto il primo turno delle elezioni legislative francesi. Solo il 47,62% degli elettori ha votato.

Di fatto, la futura Assemblea nazionale non potrà pertanto rappresentare i francesi.

Una situazione che la Costituzione francese non prevede. Si tratta della più importante crisi di legittimità dalla disfatta di Napoleone III a Sedan, l’invasione prussiana e la Comune di Parigi, un secolo e mezzo fa.

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo