Il presidente Vladimir Putin ha annunciato che nel 2018 la Federazione Russa ridurrà la spesa militare.

L’economia russa subisce i contraccolpi del ribasso del prezzo degli idrocarburi e delle sanzioni europee.

Numerosi programmi a lungo termine di armamenti pesanti, come il Barguzin (sistema di spostamento su rotaie di missili intercontinentali) o il PAK DA (bombardiere strategico), dovrebbero essere rinviati. Tuttavia le truppe non dovrebbero subire riduzioni e il calendario 2018 di consegna delle armi dovrebbe essere rispettato.

Con il 5,3% del PIL, il bilancio della Difesa russo è al terzo posto, dopo Stati Uniti e Cina, ma prima di Arabia Saudita.

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo