Rete Voltaire

Il Sudan è passato sotto controllo saudita

+

Apprendiamo che il presidente Omar al-Bashir, diversamente da quanto avevamo scritto, non è stato rovesciato dal generale Ahmed Awad Ibn Auf, che in realtà è suo cognato [1]. Si è trattato di una messinscena.

Nessuno ha visto al-Bashir in prigione. Sembra che lui e la sua famiglia siano stati esfiltrati, for-se in Uganda, con la protezione degli Stati Uniti, che lo accusano ufficialmente di genocidio, ma che in realtà lo sostengono da sempre.

Il nuovo capo di Stato, generale Abdel Fattah Abdelrahmane al-Burhan (foto), cui la famiglia di al-Bashir ha trasferito pacificamente il potere, non è uno dei principali leader militari; è però sta-to a capo delle forze sudanesi che combattono a fianco dei sauditi contro gli yemeniti.

Ora il Sudan, che dipendeva economicamente dal Qatar, è passato sotto l’egida dell’Arabia Sau-dita. Una nuova perdita per Fratelli Mussulmani e Turchia, che ha una base militare sull’isola di Suakin.

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo

[1] “Il rovesciamento di Omar al-Bashir”, di Thierry Meyssan, Traduzione Rachele Marmetti, Rete Voltaire, 16 aprile 2019.

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.