Rete Voltaire

May smentisce le accuse contro il GCHQ ma cambia il direttore

+

Il governo di Theresa May ha infine smentito le accuse, prima mosse dal giudice Andrew Napolitano, indi dal porta-parola della Casa Bianca Sean Spicer, secondo cui il GCHQ (Government Communications Headquarters) avrebbe messo sotto controllo i telefoni della Trump Tower per conto di Barack Obama.

Nel contempo si viene però a sapere che «in gennaio» il gabinetto ha accettato le dimissioni per ragioni personali dell’attuale direttore del GCHQ, Robert Hannigan. Secondo il Sunday Times, Hannigan verrebbe presto sostituito dall’attuale direttore del MI5 Jeremy Fleming [1].

Le relazioni tra Londra e Washington si stanno deteriorando, giacché l’amministrazione Trump considera i britannici alleati dello Stato Profondo USA contro il quale si batte.

Traduzione
Rachele Marmetti
Il Cronista

[1] “New boss embattled GCHQ”, Richard Kerbaj, Sunday Times, March 19th, 2017.

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.