Gli Stati Uniti raddoppieranno le scorte di munizioni d’Israele nel 2010, a seguito di un accordo firmato il mese scorso e rivelato dal settimanale Defense News, nella sua edizione dell’11 gennaio 2009.

Gli Stati Uniti hanno già sovvenzionato le forze armate israeliane per circa 2,5 miliardi di dollari all’anno. Lo stock di munizioni statunitensi da cui a Israele è consentito rifornirsi senza alcun limite, se necessario, avrà un valore addizionale pari fino a 800 milioni di dollari.

Gli Stati Uniti hanno quattro arsenali in Israele, oltre a basi aeree e navali. Tecnicamente, le munizioni e le basi Usa in Israele sono legate al Comando europeo (USEUCOM) e non al Comando Centrale (CentCom), Israele è considerato una colonia europea in Medio Oriente e non come uno stato integrato in questa regione. Il Comando europeo è guidato dall’ammiraglio James Stavidris, che è anche il comandante supremo della NATO.

Traduzione di Alessandro Lattanzio