L’ex presidente della Repubblica Islamica d’Iran, Mahmud Ahmadinejad, ha scritto una lettera alla Guida della Rivoluzione, l’ayatollah Ali Khamenei, accusandolo di aver sottratto 80 miliardi di rial [oltre 1,7 milioni di euro al cambio odierno, ndt] .

La Guida avrebbe trafugato questo denaro da una quindicina di fondazioni poste sotto la sua autorità.

Lo scorzo gennaio l’ex presidente Ahmadinejad era stato accusato di aver fomentato le manifestazioni antigovernative di dicembre 2017 ed era stato messo agli arresti domiciliari.

A febbraio Ahmadinejad aveva chiesto elezioni generali anticipate, la destituzione del capo del sistema giudiziario, Saqed Larijani, e la liberazione dei prigionieri politici.

Per tutta risposta, Saqed Larijani fece arrestare due personalità vicine ad Ahmadinejad, una delle quali l’ex capo di gabinetto della sua amministrazione e simbolo della lotta dei credenti per istituzioni laiche, Esfandiar Rahim-Mashaei.

Durante li mandato presidenziale, Mahmud Ahmadinejad era già entrato in conflitto con la Guida della Rivoluzione.

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo