Il cardinale George Pell, ex arcivescovo di Sidney, in seguito prefetto del segretariato per l’Economia della Santa Sede (ossia ministro delle Finanze dello Stato della Città del Vaticano e della Chiesa Cattolica), già condannato per pedofilia, è stato riconosciuto innocente dall’Alta Corte dell’Australia.

Il processo di Sua Eminenza era stato dapprima estremamente mediatizzato, in un clima violentemente anticattolico, e in seguito coperto da un Gag Order, ossia da un’ingiunzione ai media di cessare le pubblicazioni di Kerri Judd, direttore delle azioni giudiziarie dello Stato di Victoria.

L’Alta Corte ha ritenuto che probabilmente i fatti non possono essere accaduti e, in ogni caso, che esiste un ragionevole dubbio a favore del prelato.

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo