Rete Voltaire

L’esercito libanese rinuncia a 3 miliardi di armamento francese

+

Il 29 dicembre 2013 durante la visita del presidente François Hollande a Riyadh, l’Arabia Saudita improvvisamente promise di comprare 3 miliardi di dollari di armi francesi per il Libano.

Tuttavia, il 6 gennaio 2014, il Capo di stato maggiore dell’esercito libanese, Generale Jean Kahwaji ha dichiarato di aver rinunciato a questo magnifico dono. L’annuncio di tale dono, di entità senza precedenti, fu fatta dal presidente libanese Michel Sulayman e confermata da Arabia Saudita e Francia. Nelle nostre pagine, Thierry Meyssan assicurava che la generosità saudita in realtà serviva a pagare la mancata registrazione della confessione di Majid al-Majid, leader di al-Qaida in Libano [1].

In definitiva, gli eventi gli hanno dato ragione:
- Secondo l’esercito libanese, Majid al-Majid era troppo malato per essere ascoltato dal magistrato. Morì in carcere il 4 gennaio 2014 senza confessare l’implicazione dell’Arabia Saudita.
- L’ambasciatore degli Stati Uniti in Libano, David Hale, si recù a Riyadh per garantire che l’Arabia Saudita non fornisse armi al Libano per difendersi da Israele.
- Un approccio simile fu fatto dal dipartimento di Stato in Francia.
- Le consegne promesse non avranno mai luogo, ma un gran numero di intermediari sauditi, francesi e libanesi hanno già ricevuto la loro "gratifica" (tra cui il presidente libanese che ha incassato a titolo personale 50 milioni di dollari).
- Per insabbiare la cosa, l’esercito libanese potrebbe ricevere uniformi e veicoli nuovi.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

[1] "Silenzio e tradimento da 3 miliardi di dollari", Thierry Meyssan, Réseau Voltaire, 15 gennaio 2014.

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.