L’ex ministro degli Esteri francese, Bernard Kouchner, il 1° dicembre 2018 è entrato illegalmente in Siria, dove ha partecipato al Forum Internazionale sul Cambiamento Demografico e la Pulizia Etnica, organizzato nella zona occupata dagli Stati Uniti e amministrata dalle milizie kurde del PKK.

Durante l’invasione dell’Iraq da parte della Coalizione pro-USA, Kouchner aveva invano tentato di essere nominato rappresentante speciale del segretario dell’ONU nel Kurdistan iracheno, carica già ricoperta in Kosovo, dopo la conquista della NATO.

Il 4 luglio 2011, Bernard Kouchner e Bernard-Henry Lévy furono gli attori principali di una riunione, organizzata a Parigi dai Fratelli Mussulmani e dallo Stato di Israele, a favore del rovesciamento della Repubblica Araba Siriana. La manifestazione, molto mediatizzata, ottenne il risultato di far aderire la classe politica francese al progetto statunitense di distruzione delle infrastrutture statali siriane.

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo