Rete Voltaire

Parziale liberazione del governatorato di Idlib

+

Nel nord della Siria il governatorato di Idlib è occupato da una moltitudine di gruppi jihadisti, riuniti attorno alla bandiera di Hayat Tahrir al-Cham, organizzazione affiliata ad Al Qaeda.

In virtù di un accordo firmato a Sochi nel settembre scorso, la Turchia avrebbe dovuto ritirare le armi pesanti da Idlib. L’accordo non è stato rispettato da Ankara. La fine dell’estate è il periodo più propizio per un’offensiva: il caldo non è più soffocante e la pioggia autunnale non ha ancora trasformato la regione agricola in un pantano impraticabile ai blindati.

L’Esercito Arabo Siriano, sostenuto dall’aviazione russa, ha avviato una vasta operazione per liberare il governatorato. Gli jihadisti sono arretrati significativamente, anche dalle postazioni avanzate che occupano nel governatorato di Hama. La strategia dei militari consiste nello sbarrare le strade che permettono agli jihadisti di ricevere rinforzi. Sono riusciti a liberare l’autostrada Damasco-Aleppo.

La principale città del governatorato, Khan Cheikhun, è stata liberata. La città di Idlib, pur essendo capitale amministrativa del governatorato cui dà il nome, è meno estesa di Khan Cheikhun.

La Turchia ha inviato agli jihadisti una colonna di camion e blindati carichi di armi e munizioni. L’avamposto del convoglio, composto unicamente da jihadisti, è stato bombardato dall’esercito russo. La Turchia ha messo in guardia Mosca dal violare l’accordo di Sochi, accordo che essa stessa non ha applicato.

Sembra che la Turchia voglia tutelare la vita degli alleati jihadisti, ma smettere di sostenere la loro occupazione; una sottigliezza impossibile da realizzare in un campo di battaglia. Per il momento Ankara non partecipa ai combattimenti.

Neppure Francia e Germania, che per un anno hanno approvvigionato di armi e cibo gli jihadisti, sembrano voler partecipare ai combattimenti.

L’Esercito Arabo Siriano continua ad avanzare.

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.

La Francia nell'ingranaggio
“Sotto i nostri occhi” (10/25)
La Francia nell’ingranaggio
di Thierry Meyssan
La Francia manipolata
“Sotto i nostri occhi” (9/25)
La Francia manipolata
di Thierry Meyssan
L'uso militare nascosto della tecnologia 5G
L’uso militare nascosto della tecnologia 5G
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
 Summit Nato, si rafforza il partito della guerra
Summit Nato, si rafforza il partito della guerra
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Il Summit lancia la Nato nello spazio, costi alle stelle
Il Summit lancia la Nato nello spazio, costi alle stelle
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Multilateralismo o Diritto Internazionale?
Multilateralismo o Diritto Internazionale?
di Thierry Meyssan, Rete Voltaire
 
L'agonia della politica estera francese
“Sotto i nostri occhi” (8/25)
L’agonia della politica estera francese
di Thierry Meyssan, Rete Voltaire
 
L'Italia in prima linea nella «guerra dei droni»
Atterra a Sigonella il primo drone Nato
L’Italia in prima linea nella «guerra dei droni»
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire