I servizi segreti turchi (MİT) hanno arrestato due membri dell’organizzazione di Fetullah Gülen (FETÖ) in Uzbekistan.

All’arrivo in Turchia dei due dirigenti arrestati, Gurbuz Sevilat e Tamer Avci, le autorità hanno affermato che costoro avrebbero dovuto rifornire di armi i membri dell’organizzazione separatista kurda PKK e dei suoi rami siriano, iracheno e iraniano.

FETÖ aveva pianificato per conto della CIA l’uccisione del presidente Erdogan il 15 luglio 2016. Il tentativo fu disinnescato e i militari che l’avevano intrapreso improvvisarono un colpo di Stato, che fallì anch’esso. Da allora la Turchia cerca invano di ottenere l’estradizione di Fetullah Gülen, rifugiato negli Stati Uniti

Il PKK è un ex movimento marxista-leninista, alleato della Siria e dell’Unione Sovietica; alla caduta di questa è diventato un movimento libertario alleato degli Stati Uniti e della NATO.

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo