Rete Voltaire

L’esercito turco cambia strategia?

+

L’Esercito arabo siriano riconquista la città di Qasab occupata dai mercenari di Jabhat al-Nusra (al-Qaida) ed Esercito dell’Islam (pro-saudita). I jihadisti, entrati in Siria con il sostegno dell’esercito turco [1], per la prima volta in tre anni si sono visti impedire il rientro in Turchia dall’esercito turco che ha anche chiuso i confini. Si sono dispersi nella campagna di Idlib. Tutto sembra indicare che l’esercito turco abbia cambiato strategia e cessato il sostegno ai Contras dopo la svolta dell’Emirato Islamico dell’Iraq e del Levante (EIIL) in Iraq. La vittoria dei mercenari in Iraq porterebbe alla divisione del Paese in tre Stati indipendenti con un Kurdistan che si estenderebbe all’attuale Turchia.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

[1] « L’armée turque aide des mercenaires étrangers à pénétrer en Syrie », Réseau Voltaire, 22 mars 2014. “L’esercito turco abbatte un aereo da combattimento siriano”, di Thierry Meyssan, Rete Voltaire, 2 aprile 2014.

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.